SPOILER - Report di WWE NXT - 17/04/2019


by   |  LETTURE 685
SPOILER - Report di WWE NXT - 17/04/2019

Ben ritrovati a questo nuovo appuntamento targato NXT. Partiamo subito alla grande con un match valevole per il North American Championship che vede opposti il campione Velveteen Dream e lo sfidante Buddy Murphy, volto già noto da queste parti.

La contesa si apre con uno scambio tecnico tra i 2 che mettono in mostra gran parte della loro agilità senza però ottenere nulla a livello pratico. Buddy va a segno con una headscissor con la quale spedisce Dream fuori ring.

Appena rientrato sul quadrato il campione riceve una ginocchiata devastante al volto a cui segue un tentativo di schienamento. Dream spedito ancora fuori ring e raggiunto questa volta dallo sfidante con un volo sopra la terza corda.

I due tornano sul ring dove Murphy va a segno con una meteora a cui segue un tentativo di schienamento che però non va a buon fine. Murphy sembra essere in pieno controllo del match tanto da riuscire a imprigionare il campione in una sleeper hold.

Dream non demorde e va a segno con un superkick. Inizia ora uno scambio di colpi al termine del quale Buddy viene spedito fuori ring dove viene raggiunto da Dream che si getta dalla cima del paletto. Una volta rientrati nel quadrato Dream abbatte l'avversario con un codebreaker a cui segue un ennesimo schienamento che si interrompe sul conto di 2.

I due si spostano sulla cima del paletto dove, a termine di un altro scambio di colpi, crollano sul pavimento alla base del ring. L'arbitro inizia a contare ma entrambi riescono a rientrare giusto sul conto di 9. Dal nulla Murphy esegue una DDT a cui segue uno schienamento il cui conteggio però si interrompe sul 2.

Lo scontro si sposta ancora una volta sulla cima del paletto dal quale Dream viene lanciato giù con un front slam. Murphy si lancia sull'avversario apparentemente esanime che però evita il colpo ed esegue immediatamente la Dream Valley Driver a cui segue un tentativo di schienamento che anche questa volta si interrompe sul conto di 2.

Buddy riesce a riprendersi e ad andare a segno con una powerbomb a cui segue un altro tentativo di schienamento che però non va a buon fine. I 2 si trovano ora sul apron dove Dream viene abbattuto con una ginocchiata al volto.

Entrambi gli atleti sono esanimi a bordo ring con l'arbitro che nel mentre inizia il conteggio. Murphy riesce a rimettere il campione nel quadrato. La manovra non si rivela essere la più furba in quanto Dream tira fuori dal cilindro un fame asser seguito da una Dream Valley Driver e un Purple Rainmaker.

Non resta altro da fare al campione se non eseguire lo schienamento che a sto giro risulta essere quello definitivo. Risultato: vittoria per schienamento di Velveteen Dream che rimane ancora North American Champion. Considerazioni a caldo: questo è stato un match degno di un ppv.

I due atleti non si sono risparmiati e hanno messo in mostra tutto il loro repertorio. Ricordiamo di come Buddy è reduce da un regno titolato decisamente degno di nota in qualità di Cruiserweight Champion. Inoltre l’ex campione dei pesi leggeri è stato recentemente promosso con il passaggio a Smackdown.

Chissà cosa gli riserverà il futuro. Relativamente al match Buddy è stato in grado di impensierire e non poco il campione, costringendolo a spingersi oltre i propri limiti. Prestazione egregia macchiata solo dal risultato finale che a mio avviso sarebbe dovuto essere diverso.

Per quanto concerne invece Velveteen Dream, che dire se non che è stato eccezionale? Tecnicamente non gli si può dire assolutamente nulla, infatti l’unico suo problema è stato quello di aver probabilmente sottovalutato l’avversario rischiando a più riprese di perdere il match e quindi il titolo.

Velveteen dovrebbe imparare a “volare un pelino più basso” in quanto perdere un match è un attimo, soprattutto se non si è concentrati al 100% e se si prende sottogamba l’avversario.

Vedremo se questo regno titolato lo aiuterà ad evolversi da questo punto di vista. Ci vengono ora proposti gli Street Profits intenti a voler chiedere a William Regal una opportunità per i titoli di coppia. Ad uscire dalla porta del GM però sono gli attuali campioni in carica i War Raiders che accettano la sfida e danno appuntamento ai loro nuovi sfidanti per settimana prossima.

Ora è il turno del nuovo NXT Champion Johnny Gargano che microfono alla mano inizia a ringraziare il pubblico per averlo accompagnato in questo lungo viaggio che lo ha portato a vincere il tanto agognato titolo.

Ad interrompere la festa arrivano Adam Cole, Kyle O'Reilly e Bobby Fish. Adam inizia con il dire che dovrebbe essere lui il campione in quanto il primo schienamento ed oltretutto unico schienamento del loro match lo ha eseguito lui.

Di tutta risposta Gargano gli rammenta che invece lui lo ha sottomesso per 2 volte e lo score definitivo è Johnny Gargano 2 Adam Cole 1. Johnny però decide di dare una seconda opportunità a Cole invitandolo sul ring.

Il leader degli UE sembra accettare ed inizia ad avviarsi verso il ring, quando da nulla sbuca Roderick Strong che attacca Gargano alle spalle. Inizia quindi un pestaggio in piena regola che si conclude con un superkick di Cole.

Quindi è ora il turno di Dominik Dijakovic che si sbarazza di un Jobber con solo un discous big boot.

A termine del "match" Dominik lancia una sfida a Velveteen Dream puntando quindi il North American Championship.

Ci viene ora proposta un'intervista agli UE che viene però interrotta da Regal che comunica che Gargano ha deciso di affrontare gli UE.

Cole si prepara quindi ad ascoltare Regal che proclama il match tra lui e Gargano. Tuttavia il GM comunica che lo sfidante scelto da Gargano è niente meno che Roderick Strong, che ricordiamo essere l'artefice dell'assalto subito dal campione poco prima.

Adam Cole non la prende benissimo ma tant'è. Che questo sia il preludio alla cacciata di Strong dalla stable? Eccoci quindi giunti al main event della serata che vede opposte la NXT Women’s Champion Shayna Baszler (accompagnata da Marina Shafir e Jessamyn Duke) e la sfidante Kairi Sane.

Prima di iniziare ci viene ricordato che questo è un match a stipulazione speciale in quanto Shayna mette in palio la sua cintura mentre Kairi mette in palio le sue possibilità future di puntare al titolo. Infatti in caso di sconfitta Kairi non avrà più alcuna possibilità di richiedere un match valevole per il NXT Women’s Championship.

Resta solo da capire se questa restrizione varrà solo nel caso in cui la campionessa sia ancora Shayna Baszler o se estesa anche ad eventuali future detentrici del titolo. Lo scontro si apre con Kairi che parte in quarta riuscendo ad eseguire addirittura la Sliding D seguita da un elbow smash in caduta dalla cima del paletto per poi tentare lo schienamento che però si interrompe sul conto di 2.

Le atlete2 iniziano uno scambio di colpi concluso con una devastante ginocchiata la volto di Shayna che tenta poi lo schienamento che però non va a buon fine. La campionessa tenta la Kirifuda dalla quale però Kairi si divincola per poi andare a segno con la Interceptor tentando poi una manovra di sottomissione dalla quale Shayna si libera afferrando le corde.

Kairi non contenta mette a segno la sua Insane Elbow sulla schiena della Baszler. Non contenta ci riprova ma viene bloccata dalla campionessa sulla cima del paletto dove inizia un ennesimo scambio di colpi al termine del quale Shayna si trova appesa a testa in giù costretta a subire un falling stomp.

Le due atlete ce la stanno mettendo tutta per portare a casa la vittoria. La Baszler blocca ora l’avversaria con un chiave articolare al braccio destro. Non contenta la campionessa schianta al tappeto la povera Kairi tentando poi lo schienamento che però si interrompe sul conto di 2.

La Baszler continua ad infierire sulla povera giapponesina chiudendola in una manovra di sottomissione che coinvolge il volto ed il braccio destro (una variante della crossface per intenderci ma più incentrata sul braccio).

Kairi riesce a divincolarsi ruzzolando fuori dal ring dove viene raggiunta dall’arbitro che chiama immediatamente i medici insieme ai quali arriva anche Io Shirai. Sono tutti concentrati sulla povera Kairi che però non ha intenzione di mollare il colpo.

La Baszler decide quindi di prendere di peso la sua avversaria portandola a centro del ring con l’intento di colpire il braccio dolorante con il suo classico stomp. Prima che il colpo vada a buon fine interviene Io Shirai che colpisce la campionessa facendo terminare di fatto il match.

La Shafirr e la Duke trascinano quindi Io fuori dal quadrato scaraventandola contro le barricate e contro il bordo del ring. Nel frattempo Shayna si concentra su Kairi mettendo a segno il suo stomp sul braccio destro dolorante.

Risultato: vittoria per squalifica di Shayna Baszler che rimane quindi campionessa. Kairi Sane invece, a causa della clausola speciale, non potrà più richiedere delle chance titolate per il NXT Women’s Championship.

Considerazioni a caldo: match discreto con entrambe le atlete che hanno messo in campo praticamente tutto il loro repertorio. Come al solito Shayna si è dimostrata granitica e devastante. Senza troppe remore ha messo tacere un’avversaria comunque degna di nota.

A questo giro per fortuna la sua prestazione non è stata macchiata dall’intromissione di Shafirr e Duke. Relativamente a Kairi Sane invece c’è da dire che è stata in grado di mettere in seria difficoltà la campionessa con un atteggiamento molto aggressivo e privo di paura.

Purtroppo dal punto di vista fisico nulla a potuto contro la potenza della campionessa che ricordiamo avere dei trascorsi in MMA e quindi buone doti nel corpo a corpo. Avrei preferito un finale di match decisamente più entusiasmante e senza intromissioni ma non si può avere tutto dalla vita.

Con la sua intromissione Io Shirai ha definitivamente messo nel mirino la campionessa ed il suo titolo. Chissà se questa azione costerà anche il rapporto di amicizia con la povera Kairi Sane che invece non potrà più competere per il NXT Women’s Championship? Ai posteri l’ardua sentenza.

Con l’auspicio di essere stato sufficientemente esaustivo vi auguro buona serata o giornata, a seconda di quando starete leggendo, ma soprattutto buon wrestling a tutti.