SPOILER - Report di WWE NXT - 06/02/2019


by   |  LETTURE 791
SPOILER - Report di WWE NXT - 06/02/2019

Buonasera a tutti ragassuoli e ragassuole e benvenuti a questo nuovo ed entusiasmante episodio di NXT. Ad aprire la serata è il nuovo NXT North American Champion Johnny Gargano che microfono alla mano dichiara che ad essere il campione non è solo lui ma tutto il WWE Universe che in questo periodo, specialmente durante lo scorso TakeOver, gli è stato vicino.

Il pubblico è spaccato in due con una parte che grida "you deserve it" e l'altra che grida "no you don't" A rovinare questo momento di giubilo arriva niente meno che il NXT Champion Tommaso Ciampa che inizia a congratularsi con Johnny dicendo di essere orgoglioso di lui e di quanto da lui fatto contro Ricochet.

Continuando con il dire che dopo quanto successo a Phoenix è chiaro che questo è il loro momento. Ancora una volta il pubblico perde la testa iniziando a gridare a squarcia gola "DIY!" Di tutta risposta Gargano asserisce che, l’unico motivo per il qual è uscito al termine di TakeOver è per dimostrare a lui ed a tutto il NXT Universe che non ha bisogno di Tommaso Ciampa.

A mettere ulteriore carne al fuoco questa volta ci pensa Velveteen Dream che, in qualità di vincitore del World Collide Tournament, ha il diritto di sfidare, in un match titolato, uno tra il NXT Champion ed il NXT North American Champion, oltre che il WWE Chruiserweight Champion di 205 live.

Come era ragionevole pensare Dream ha preferito non abbandonare lo show giallo, infatti decide, anche se un po' a sorpresa, di sfidare Johnny Gargano in un match valevole per il NXT North American Championship. Passiamo quindi al primo match della serata che vede opposti Jaxson Ryker, leader dei Forgotten Sons, e Mansoor.
La contesa parte con un clinch a centro ring a cui segue una serie di colpi di Ryker conclusa con una sonora ginocchiata.

Non contento il leader dei Forgotten Sons porta l'avversario al paletto dove continua a colpirlo ripetutamente. Mansoon abbozza una reazione provando anche una manovra aerea che viene però interrotta a mezz'aria da una spear di Ryker che, approfittando della situazione, esegue la sua One arm spinebuster.

Schienamento definitivo e vittoria per Ryker che, non contento, si accanisce sull'avversario con un'ulteriore One arm spinebuster. Risultato: vittoria per schienamento di Ryker Considerazioni post match: come al solito Ryker è stato messo in un match di bassa rilevanza.

Credo che un atleta con le sue potenzialità debba necessariamente essere impegnato in occasioni ben più rilevanti e non in questi che possono essere considerati tranquillamente degli squash match. Avversario non pervenuto.

Veniamo catapultati ora nel backstage dove vediamo Ricochet intento in uno shoot fotografico. Nel mentre Cathy Kelley viene raggiunta da Adam Cole che comincia a vantare diritti nei confronti dichiarando di essere lui il nuovo sfidante al titolo, indipendentemente da chi sarà a detenerlo al termine del match tra Velveteen Dream e Johnny Gargano.

Sopraggiunge quindi Ricochet con l’intento di bloccare i vaneggiamenti di Cole che di tutta risposta gli rende noto che, dopo aver perso il titolo a TakeOver, ormai è finito in fondo alla coda dei contendenti.

Ricochet non si lascia scoraggiare e sfida Cole ad un match settimana prossima con il quale verrà dichiarato il contendente n. 1 al NXT North American Championship. Ci viene comunicato che tra 2 settimana si terrà appunto il match valevole per il NXT North American Championship tra il campione Johnny Gargano e lo sfidante Velveteen Dream.



Ora è il turno del nuovo arrivato Drew Gulak che se la deve vedere con Bugenhagen. Quest'ultimo parte in quarta atterrando l'avversario con un take down. Gulak non si lascia intimorire e va a segno con un front dropkick seguito da un bodyslam con il quale scaglia il povero Bugenhagen contro le corde.

Drew prova ad approfittarne eseguendo uno snap suplex seguito da un tentativo di schienamento il cui conto però si ferma sul 2. Bugenhagen non molla e, dopo aver portato Gulak al paletto, lo sfianca con uan serie di shoulder block.

Drew non si lascia intimorire dalla tracotanza dell'avversario e lo abbatte con un northen lights suplex seguito da un back body slam ed infine dalla sua Gu-lock alla quale Bugenhagen è costretto a cedere.
Post match Gulak si ferma a centro ring microfono alla mano.

Inizia un simposio nel quale dichiara di essere il migliore e che dopo aver compiuto la sua missione a 205 Live é stato chiamato per compierla anche qui. Continua poi dicendo che l'avversario che ha affrontato poco prima non era ciò che si aspettava e che merita di meglio invitando chiunque fosse presente nel backstage a presentarsi sul ring.

Ad accettare la sfida è niente meno che Matt Riddle che senza mezzi termini gli intima di andarsene o salirà sul ring e lo sottometterà. Gulak non si lascia intimorire e lo invita a raggiungerlo sul quadrato.

La contesa si apre con un lungo scambio tecnico al tappeto. Ad interrompere questo momento ci pensa Riddle che mette a segno un soccer kick seguito da una senton bomb. Non contento Matt insiste colpendo l'avversario al paletto con un elbow smash.

Al secondo tentativo di elbow smash Gulak reagisce mettendo a segno 2 front dropkick. Lo scontro si sposta nuovamente al tappeto con Drew che esegue un double back armbar seguito poi da uno snap suplex prima e da un tentativo di schienamento il cui conteggio si ferma però sul 2.

Riddle prova nuovamente a riportare il pallino del gioco a suo favore con un suplex seguito da una serie di calci al petto. Gulak riesce ad interrompere la mattanza andando a segno con un dragon screw driver. Il nuovo arrivato viene portato sul apron dove viene imprigionato in una sleeperhold.

Riddle porta nuovamente all'interno del ring l'avversario che tenta di liberarsi venendo però schiantato al tappeto con un german suplex a cui segue anche uno schienamento che però non va a buon fine.

Appena liberatosi Gulak esegue un armbar dal quale però Matt riesce a divincolarsi. I due iniziano uno scambio di colpi che porta Riddle ad eseguire una devastante powerbomb seguita da una tremenda ginocchiata al volto.

Matt tenta nuovamente lo schienamento che si interrompe ancora una volta sul conto di 2. Riddle visibilmente infastidito dalla cosa inizia a colpire ripetutamente Gulak con una serie di gomitate al volto per poi imprigionarlo nella Bro-mission che si rivela essere decisiva.

A fine match i 2 atleti si stringono la mano in segno di rispetto. Risultato: vittoria per sottomissione di Matt Riddle Considerazioni post match: ennesima vittoria per un Matt Riddle che sta attraversando un ottimo periodo di forma e che sopratutto ha una notevole striscia di vittorie a suo favore.

Stasera ha ancora una volta dimostrato di essere uno degli atleti migliori del brand giallo, dotato di doti pari a pochi. Credo non ci vorrà molto prima di vederlo ronzare attorno al NXT North Amircan Championship o magari al NXT Championship.

Per quanto riguarda Drew Gulak direi che ci sono stati esordi migliori ma decisamente anche peggiori. Una vittoria ed una sconfitta nella stessa sera direi che ci può stare, sopratutto se si considera che la sconfitta è arrivata contro uno come Matt Riddle ed al termine di un match decisamente ad alto livello.

Egregio il gesto di stringere la mano al suo avversario dopo la sconfitta. Mi auguro di rivedere quanto prima questi due atleti in un match uno contro uno e magari con un titolo in palio. Eccoci giunti quindi al main event della serata che vede coinvolta la quota rosa di NXT e più precisamente il team composto da Bianca Belair, Io Shirai e Kairi Sane opposto al team composto da NXT Women's Champion Shayna Baszler, Jessamyne Duke e Marina Shafir.

Ad aprire la contesa sono Bianca Belair e Shayna Baszler con la seconda che dopo un prima fase di studio, abbandona il ring come se nulla fosse lasciando la sua rivale intenta ad eseguire capriole fini a loro stesse. Tocca ora alla Shafir che appena entrata si becca un sonoro dropkick per poi chiedere immediatamente il cambio alla Duke.

Bianca non si fa intimorire e va segno con una double chicken swing per poi dare il cambio alla Sane. Prima di abbandonare il quadrato però Bianca solleva la sua compagna di squadra sopra la propria testa per poi lanciarla contro la povera Duke che si vede costretta ad incassare un devastante elbow drop.

Kairi tenta uno schienamento ma il conteggio si interrompe sul 2. La piratessa viene portata al paletto dove la Duke cede il passo alla Shafir che una volta entrata viene bersagliata con una serie di chop da parte di Kairi.

A rincarare la dose arriva Shirai che con la Sane mette a segno un paio di manovre combinate che si concludono con una doppia chop di Kairi a cui segue un axe kick. La piratessa cerca ora di sfiancare la sua avversaria che però si ribella e la porta sulla cima del paletto dove inizia uno scambio di colpi tra le due vinto da Kairi.

In aiuto della Shafir arriva la Baszler che distrae la Sane permettendo a Marina di riprendersi ed abbattere l’avversaria con un hip toss. Tocca ora alla stessa Baszler che, dopo essersi regolarmente presa il cambio, inizia a giocare come il gatto con il topo con la sua avversaria per poi dare il cambio alla Duke che mette subito in mostra la sua forza fisica con due calci ed un colpo alla schiena mettendo a dura prova la resistenza della povera Sane.

La banda capitanata dalla Baszler inizia un valzer di cambi che non lasciano un attimo di respiro alla povera piratessa. Ora è il turno della Shafir che tenta di sottomettere la sua avversaria che però riesce a liberarsi arrivando quasi a dare il cambio a Shirai venendo però interrotta dalla Duke che nel mentre ha regolarmente preso il posto di Marina.

La Sane in qualche modo si libera della Duke lanciandola fuori ring per poi dare il cambio a Shirai che si lancia subito all’attacco della Baszler con una serie di dropkick per poi concentrarsi sulla Shafir spedendola con un colpo al volto contro il paletto.

Sia la Shafir che la Baszler sono accasciate alla base del paletto ed Io ne approfitta per colpire entrambe con un running double knee. Non contenta la Shirai mette a segno anche la 619 sulla Baszler per poi abbatterla con uno springboard dropkick.

A cui segue un tentativo di schienamento che non va a buon fine. A prendersi il cambio e la Sane che si lancia subito nell’Insane Elbow a cui segue unte tentativo di schienamento che viene interrotto sul conto di 2 dalla Shafir.

Kairi decide di dare nuovamente il cambio alla Shirai, quando però a prenderselo di prepotenza è Bianca che ne approfitta gettandosi immediatamente contro Marina e Jassamyne per poi concentrarsi sulla sua acerrima nemica.

Bianca mette a segno subito la KOD tentando poi lo schienamento sulla campionessa, che viene interrotto sia da Shafir che da Duke. Queste due decidono poi di fiondarsi su Io che prontamente schiva l’attacco facendolo finire fuori dal ring dove vengono poi raggiunte dalla Sane con un crossbody eseguito dalla cima del paletto.

La Shirai nel mentre si prende il cambio andando ad eseguire uno springboard moonsault a seguito del quale poi esegue lo schienamento definitivo sulla NXT Women’s Champion. Risultato: vittoria per schienamento di Bianca Belair, Io Shirai e Kairi Sane Considerazioni post match: vittoria del tutto meritata per il trio composto Belair, Sane e Shirai.

In particolar modo è da segnalare lo schienamento effettuato da Io Shirai ai danni della NXT Women’s Champion Shayna Baszler. Chissà se questo le consentirà di avanzare qualche pretesa per titolo, anche se a giudicare dalla sua esultanza con tanto di mimica della cintura intorno alla vita direi che la risposta sia abbastanza chiara.

Altro dettaglio da evidenziare è la faccia tenuta della Belair per tutta la fase post match, che ha lasciato intendere di non aver apprezzato particolarmente quanto accaduto. Credo che sull’eventuale strada verso il titolo di Io Shirai ci sarà la EST di NXT pronta ad effettuare un agguato.

Per quanto concerne invece il trio uscito sconfitto questa sera posso solo dire che la Duke e la Shafir sembrano essere più un peso che un vantaggio per la NXT Women’s Champion Shayna Baszler. Da quando ci sono loro le prestazioni della campionessa sono calate notevolmente, probabilmente perché costretta a sopperire alle mancanze delle sue compagne di stable.

Per la prestazione delle due atlete ho solo 2 parole scialba ed apatica. Spero, per il bene della Baszler, che questa stable si sciolga il prima possibile. Siamo quindi arrivati alla fine di questo episodio primo di emozioni e di novità.

Con l’auspicio di essere stato sufficientemente esaustivo vi auguro una buona serata o giornata, a seconda di quando starete leggendo, ma sopratutto buon wrestling a tutti.