WWE Raw 13/11/2023 Report (1/3) - Sono io il leader!

Damien Priest viene ancora provocato da Cody Rhodes su chi sia il vero leader del Judgment Day. La sua risposta crea scompiglio.

by Alan Mack
SHARE
WWE Raw 13/11/2023 Report (1/3) - Sono io il leader!
© WWE YouTube / Fair Use

Mancano meno di due settimane alle Survivor Series, manca poco ai War Games e Monday Night Raw avanza la sua marciata verso Chicago! Questa sera siamo nella capitale, Washington DC! 

Ad aprire l’episodio è l’American Nightmare, Cody Rhodes. Inizia dicendo che Washington gli ha regalato tanti ricordi e, questa sera, anche lui vuole regalare un ricordo per questo pubblico, vincendo i titoli di coppia con Jey Uso questa sera. E all’orizzonte, oltre l’incontro...ci sono i War Games! Senza ulteriori indugi, introduce i suoi compagni dell’incontro a due gabbie. Seth Rollins, prima di mettersi all’angolo, si ferma davanti a Cody. Cody prosegue dicendo che sono sul ring per un solo motivo: il Judgment Day. Proprio loro fanno il loro ingresso ora, non permettendo a Cody di concludere la frase. Finn Bàlor prende subito la parola, dicendo di guardare i 4 pagliacci sul ring, persone che non riescono nemmeno a guardarsi in faccia l’un l’altro, quindi come potranno lavorare insieme ai War Games? 

Priest li definisce come un gruppo messo insieme a caso mentre loro sono una famiglia. Non sanno a cosa vanno incontro, perciò il Judgment Day metterà fine a tutto questo, una volta per tutte. Finn chiede a Seth come ci si sente ad essere il campione del mondo a fianco a Cody, l’unica persona che non è riuscita a battere. Priest chiede a Cody come ci si senta a poter battere ognuno di loro, ma non riesce ad essere campione. Finn si rivolge a Sami, ricordando che il canadese si definisce come la Superstar dal livello di titolo mondiale ma, dopo la scorsa settimana, non è altro che un perdente.  

Priest chiede ora a tutti se Jey è una persona di cui fidarsi, visto che ha fregato ognuno di loro quando era nella Bloodline. Dominik cerca di dire la sua ma, ovviamente, il pubblico lo zittisce. Sami dice che nessuno vuole ascoltarlo. Continua dicendo che loro vogliono metterli contro, ma possono mettere i propri problemi da parte, questo riguarda il potere. Alle Series, sarà War Games, l’incontro più brutale delle loro vite. Parlando di potere, Cody evidenzia il fatto che Rhea Ripley non sia con loro e continua a chiedere se sia lei la leader. Priest dice subito che non c’è un leader. Cody chiede ancora chi sia il leader, puntando tutti (persino JD McDonagh). Priest zittisce tutti: “sono io il leader!” Seth Rollins si dice stanco di parlare e vuole lottare. 4 di loro sono liberi, quindi sfida JD e Dom insieme a Sami Zayn. Priest accetta la sfida.  

Seth Rollins & Sami Zayn vs Judgment Day: Non mancano le scorrettezze di JD e Dom già dall’inizio dell’incontro, riuscendo a fermare il momentum di Seth Rollins, già in procinto di eseguire il Pedigree su Dominik Mysterio. L’azione si sposta fuori dal ring, dove Seth e Sami riescono a trovare l’alchimia di coppia, eseguendo un Suicide Dive in stereo e mettendo in grosse difficoltà i due avversari. Tornati sul ring, Dominik evita una Powerbomb e porta Seth sulla seconda corda. Il campione intercetta il tentativo di 619 con un Superkick ed esegue la Buckle Bomb. Ma mentre si prepara ad eseguire lo Stomp conclusivo, il resto del Judgment Day lo trascina fuori dal ring, facendo scattare la squalifica

Scoppia la rissa a bordo ring e, questa volta, c’è anche Mami. Si aggiungono anche Jey Uso e Cody Rhodes e la mega caciara continua anche questa sera, stavolta all’inizio di Raw. Ovviamente, non potevano mancare anche Adam Pearce e la security. Sul ring, Jey tenta una Spear su Priest, ma JD lo spinge via e rimane lui vittima della manovra.  Pearce sale sul ring e urla di smetterla, ricordando di aver detto già di essere stanco dei giochi. Un’altra sera e un altro incontro rovinato, ma non permetterà che lo facciano di nuovo nell’incontro titolato, perché il pubblico merita di più. Per questo motivo, bandisce tutti i partecipanti ai War Games da bordo ring...anzi, non è sufficiente, bandisce tutti dall’arena

Al rientro dal break, Rhea è ancora sul ring, inveendo sul General Manager che, di tutta risposta, dice che non gli importa se a Rhea dà fastidio o meno, non è il Judgment Day a comandare Raw, ma lui ed è meglio se Rhea non si presenti al Main Event. Proprio ora, arriva Zoey Stark, la sfidante di Rhea per le Series. Pearce cerca di fermarla, ma Rhea vuole ascoltare cosa abbia da dire. 

Zoey dice che Rhea pensa a troppe cose. War Games, il match di stasera, il piccolo Dom Dom e ora anche il titolo, sopravalutandola. Rhea la ferma subito, dicendo di non sopravalutarla, ma la segue dai suoi tempi a NXT. Ha rimandato indietro Trish Stratus, ha battuto Becky Lynch, si è stabilità come una delle donne al top della WWE. Infatti, le ricorda molto sé stessa. Zoey sarà campionessa, ma l’unico modo per farlo è di essere nel brand opposto, perché Mami è sempre al top. Non la sopravaluta, può gestire tutto perché lei è Rhea “Bloody” Ripley. Ed ora che Zoey ha detto la sua, può lasciare il ring, così che Rhea possa tornare a gestire gli affari del Judgment Day. Zoey conclude dicendo che, a Crown Jewel, l’ha quasi battuta e lo farà alle Survivor Series, diventando campionessa. Rhea cerca di attaccarla, ma viene spedita fuori dal ring. La sfidante salta sulla terza corda, ma Rhea si allontana abbastanza per evitare il tuffo di Zoey e rientra nel backstage.  

Shinsuke Nakamura si trova nel backstage, seduto su delle scale e si dice di essere frustrato. Si rivolge a qualcuno, dicendo che ha avuto tanti privilegi, ma gli porterà via la scelta. Vincere o perdere, sarà solo meno per lui. Non è un problema di Shin. Aspetterà per ora, perché sa che tutto finirà per mano sua. 

Hm...non so, qualcosa mi dice che il suo sarà un avversario grosso (Chicago’s own...) 

PARTE 2

PARTE 3

Raw Cody Rhodes Judgment Day
SHARE