WWE Raw 24/01/2023 Report (1/3) - Raw is XXX



by   |  LETTURE 1346

WWE Raw 24/01/2023 Report (1/3) - Raw is XXX

Oggi festeggiamo i 30 anni di Monday Night Raw! Ci saranno tantissime leggende a festeggiare questo grandissimo traguardo per lo show che abbiamo imparato ad amare (e anche a odiare). E siamo anche all’ultimo episodio prima della Royal Rumble! Ad avere l’onore di riportare i festeggiamenti ci sarò io, Alan Mack! 
 

Prima ancora dell’intro, risuona la sigla di Hulk Hogan! E, insieme a lui, c’è anche The Mouth of the South, Jimmy Hart! Hogan prende subito la parola, ricordando che, quando Hulkamania correva selvaggia, nasceva un programma chiamato Monday Night Raw e, settimana dopo settimana, è diventanto sempre più grande. E, purtroppo, il microfono dell’Hall of Famer inizia ad impazzire e vediamo un tecnico correre sullo stage e passare un nuovo microfono all’Hulkster che, nel frattempo, continua dicendo che oggi festeggiamo i 30 anni di Raw, chiudendo con l’iconico “What’re you gonna do, when Hulkamania, 30 Year of Monday Night Raw and those Philadelphia Eagles runs wild on you!” 

Ci viene, dunque, mostrato l’intro dello show (con I’m Good in sottofondo), ripercorrendo tutta la storia di Raw, dalla prima puntata ai momenti più iconici, da quelli divertenti a quelli imbarazzanti. I cambi di titolo, l’acquisto della WCW, baci, relazioni, tuffi, barricate rotte, i ritorni, le ultime apparizioni...insomma, tutto! 

Dopo i pyros e i saluti dal tavolo di commento, iniziamo subito con l’ingresso della Bloodline! Come avrete letto dalle nostre news, avrebbero dovuto esserci Rikishi, Afa e Sika per celebrare il Tribal Chief, segmento, purtroppo, cancellato per problemi dei suddetti. Al suo posto, avremo il processo a Sami Zayn. Mentre ci viene mostrato ciò che è successo a SmackDown, vediamo un tavolo, sedie e microfoni pronti. Il pubblico di Philadelphia è tutto per Sami Zayn. Come di consueto, Roman chiede di essere riconosciuto dal pubblico, poi passa il microfono al suo consigliere speciale, Paul Heyman

Philadelphia non dimentica e intona i cori “ECW! ECW! ECW!”. La Bloodline si siede, mentre Heyman si rivolge, quasi commosso, al pubblico per i cori appena fatti, ma si siede e dice a Roman che la ECW è defunta...e spera lo stesso per Sami Zayn! In stile samoano, Sami è un iapapula papapula (non credo di aver capito e non ho la benchè minima idea di cosa sia!), è il traditore dell’isola della rilevanza, cospira insieme a Kevin Ownes dal primo giorno. Li ha fatti sentire a loro agio, ora si sentono come i fan degli Eagles e continueranno a sentirsi così dopo che verranno sconfitti da BROCK...Purdy dei San Francisco 49s.  

Heyman ha tutte le prove, potrebbe mostrarle tutte, ma li basterebbero solo 4 pezzi di video per dimostrare che Sami è colpevole (Guilty as Charged, curioso che abbia nominato il primo evento ppv della ECW...o forse no). Il primo video è di Agosto, con McIntyre che attacca gli Uso nel backstage, mentre Sami si dà alla fuga. Secondo video, sempre ad Agosto, Owens vs Jay Uso, con Sami che esita nel passare la sedia. Per Heyman non è esitazione, ma cospirazione. Quarto video: Survivor Series. Dopo i War Games, Sami si è preso la gloria individualmente, facendo il gesto “4 Life”, come se fosse la nWo o i 4 Horseman. L’ultimo video ci porta alla puntata del 23 Dicembre, un attimo che ci siamo persi in televisione, ma ce lo mostrano in slow motion: una spallata sul Tribal Chief, per farsi largo.  

Che altro farà, Sami? Eseguire l’eutanasia al padre? Castrare il figlio? Questo è un tentativo di assassinio. Heyman chiede ai signori della giuria di dichiarare Sami colpevole (ancora, Guilty as Charged). Sami si alza, dicendo che ha tutta una difesa pronta per deliberare. Sentendo tutte quelle parole dette da Paul, dopo tutti gli abbracci che hanno avuto, gli fa male. Come può pensare che Sami possa solo pensare di spodestare il Tribal Chief dal suo trono, dopo tutto quello che hanno passato insieme negli ultimi 9 mesi. Ma il fatto che deve subire un processo, gli fa male. Quinid, la sua difesa...è che non ha difese. 

Roman prende il microfono, chiedendogli se ha davvero talmente tanto ego da non importarsi di questo processo, se questo è il rispetto che gli vuole mostrare. Infuriato, Roman chiama Solo. Il Ghost si avvicina, lentamente, a Sami per eseguire la Samoan Spike...ma lo ferma Jay!! Proprio lui ferma la punizione e, senza mancare di rispetto al cugino, chiede di mandare in onda dei video che lui stesso ha preparato per la difesa. Primo video: Giugno, Sami fa risuonare la sigla di Roman per permettere agli Uso di mantenere le cinture contro gli RKO Bro. Nel secondo video, ancora ad Agosto, Sami difende Roman, prendendosi il Claymore Kick da Drew e per permettere all’Head of the Table di eseguire il Superman Punch. A Settembre, Sami si prende la sediata di Drew al posto di Solo. A Dicembre, Sami ferma Sheamus nel fermare il pinfall decisivo su Butch per le cinture di coppia. Infine, War Games, Sami ferma l’arbitro dal pinfall per Kevin Ownes, lo colpisce con l’Helluva Kick e permette alla Bloodline di portarsi a casa il match. 

Jay difende Sami, dicendo che si è preso tutte le pallotte per loro. Tutti, però, sanno che Jay non apprezza Sami, ma il canadese è sempre stato lì per loro e questo significa amore per la famiglia. Chiede a tutti coloro che vogliono mantenere Sami nella Bloodline di alzare l’indice al cielo. Philadelphia alza gli indici, insieme a Jay. Segue anche Jimmy, mentre Solo, Roman e Paul restano a guardare. Roman si alza dal tavolo e dichiara Sami...non colpevole! Per ora. Vuole che lui ringrazi Jay, che gli ha dato più tempo. Gli dice di rendere orgogliosa la Bloodline, ma non vuole sentirlo, né vederlo, fino a Sabato, dove ci sarà la prova finale. La prova dove capiremo se Sami è davvero fedele alla Bloodline.  

WWE Raw Tag Team Championship, Judgment Day vs The Usos ©: La serata per la Bloodline non è ancora finita, in quanto i campioni indiscussi sono chiamati a difendere le cinture di Raw contro Finn Balor e Dominik Mysterio. Insieme a loro, c’è ancora Sami. Si inizia con Jimmy e Priest. Damine inizia bene, ma viene subito mandato fuori dal ring. Rhea si fa subito vedere nel match, bloccando un tentativo di Suicide Dive di Jimmy. Dominik cerca di distrarlo e Priest lo manda contro il tavolo di commento. 

Cambio per Dominik, che attacca il suo avversario, prima di tornare il cambio a Priest. Damien cerca di chiudere dopo una spallata in salto, conto di 2. Jimmy è in grosse difficoltà, mentre la Bloodline osserva il tutto dal backstage. Jimmy riesce a stendere Priest e c’è il cambio su entrambi i fronti. Jay parte alla grande e atterra Dominik con la Samoan Drop, seguita dalla Rear View, che gli vale un conto di 2. Cambio per Priest, che crede di avere il vantaggio du Jay nel tentativo di South of Heaven, ma non si accorge del cambio per Jimmy. Gli Uso stendono Damien con una doppia Spinebuster, conto di 2! Tuttavia, Priest torna in vantaggio e domina sui suoi avversari. C’è uno scambio di Superkick, con Priest che ha sempre la meglio e prova a chiudere con un Lariat su Jimmy, ma è ancora 2. 

Il JD va a segno con una Doomsday Device, ma ottengono ancora un conto di 2. Jay riesce ad ottenere il cambio e mettono in difficoltà i loro avversari. Jay prova a chiudere dopo uno Stereo Superkick, ma è 2. Jay tenta la Uso’s Splash, ma Finn riporta Dominik sul ring, in modo da distrare l’arbitro e di mandare giù Jay, ma il direttore di gara se ne accorge in tempo...e lo manda via! Jay prosegue con la Uso’s Splash, ma Damien la trasforma in una Inside Cradle, 1...2...no! Cambio per Jimmy, che va a segno con la Uso’s Splash, 1...2...e nulla ancora! 

Il match prosegue, Damien Priest è fuori dal ring, Jimmy vola su di lui oltre la terza corda...ma atterra male sul ginocchio! Jay, Sami e l’arbitro vanno a sincerarsi delle sue condizioni, fino a quando quest’ultimo, prontamente, forma la X con le braccia. Arrivano membri dello staff che aiutano Jimmy a rialzarsi. Interviene anche Adam Pearce, armato di microfono, che ricorda che se Jimmy non può lottare, devono dare forfeit al match e anche alle cinture. Sami ha una soluzione: Jimmy Uso è fuori, ma Sami Uso è pronto a prendere il suo posto. Come fatto per JD, Pearce accetta la soluzione!  

Sami e Jay entrano sul ring e scoppia la rissa tra i due team! JD viene portato fuori e Sami si tuffa su Priest! Rientra sul ring, Domink cerca di sorprenderlo con un Roll-Up, piedi sulle corde, 1...2...Sami alza la spalla! Dominik è in preda all’ira, ma viene sorpreso dall’Exploder Suplex all’angolo! Sami si prepara per l’Helluva Kick, ma Rhea lo distrae! Damien Priest, non visto dall’arbitro, esegue la South of Heaven! Dominik va a chiudere, 1...2...e Sami alza la spalla! C’è il cambio per Jay, che intercetta un tentativo di 619 di Dominik ed esegue Superkick su tutti e, per poco, non colpiva anche Rhea Ripley, che è entrata sul ring per interromperlo! Dominik ne approfitta per preparare la 619 e va a segno, seguito dalla Frog Splash! 1...2...Sami interrompe il conteggio! 

L’azione continua con Priest che cerca di colpire Sami all’angolo, ma Sami si sposta e Damien capitombola fuori dal ring, Dominik manda Sami fuori dal ring, Jay tenta una Samoan Drop, ma viene evitata. Sami si prende il cambio, Superkick su Dominik, cambio per Jay e i due connettono con la 1D!!! 1...2...3! Gli Uso mantengono le cinture! Nonostante tutto, Roman dice a Heyman che non vuole vederlo per niente fino a Sabato.  

Entriamo nel backstage, con JBL e Baron Corbin che incontrano The Godfather, che gestisce gli ingressi per la stanza da poker. Godfather non trova il nome di Corbin sulla lista. JBL gli chiede se può parlare con il proprietario. Godfather bussa alla porta accanto a lui, la porta degli APA! E, infatti, da lì esce l’ex compagno di Brandshaw, Ron Simmons. Dopo un abbraccio, JBL chiede a Simmons di ricontrollare la lista, ma i due sono infermi nella loro decisione. E allora che John prende due fasci di banconote e li porge ai due. Simmons e Godfather ricontrollano e trovano il nome di Corbin, dandogli libero accesso. 

PARTE 2

PARTE 3