WWE SmackDown 01/01/2021 report (1/3) - La macchina del disagio



by   |  LETTURE 2041

WWE SmackDown 01/01/2021 report (1/3) - La macchina del disagio

Sembrava la fine del mondo, ma siamo ancora qua. Il disgraziato 2020 è ormai finito ed è tempo per un nuovo anno, che si spera abbia un respiro e una serenità tutti nuovi, e qualche motivo per sorridere. Fronte wrestling, a inaugurare il tutto c'è SmackDown. E, a dispetto di ogni aspettativa, a curare l'odierno report torna "You'll find someone" Menzo Multitasking.

- La puntata si apre con una grafica in memoria di Brodie Lee, chiaramente chiamato Luke Harper. Visto che SmackDown fu lo show delle sue ultime esibizioni e vittorie in WWE, l'aspettativa è che si facesse qualcosa di più intenso rispetto a Raw. E invece no.

- Entra Roman Reigns, con lui Paul Heyman e Jey Uso: il campione augura a tutti buon anno, ricorda quanto pesante sia stato il 2020, ma spiega che quando sei capotavola e capotribù il modo per far funzionare le cose lo trovi. Tanto più che è come se avesse il tocco di Re Mida, ha salvato Paul Heyman quando tutti si erano dimenticati di lui. Quindi Jey Uso, che nessuno ha voluto mai ascoltare per capire quanta intelligenza ci fosse in lui: Roman l'ha fatto ed è stato il migliore anno della carriera di Jey. E quest'ultimo ora non perde un colpo, e il motivo è che ha accettato Roman come suo Tribal Chief.

Lo sbrodolamento autoreferenziale di Roman sembra proseguire imperterrito, ma...ARRIVA KEVIN OWENS! Inizialmente lo fa in maniera silenziosa, con Roman che non sembra più riuscire a chiudere la bocca: dà al suo avversario di TLC dello scarafaggio che si ostina a non voler morire, di uno che ha avuto il suo quarto d'ora di fama, di una macchina da disagio anche attraverso il suo show. Adesso l'unica cosa da fare è levarsi dalle scatole, visto che secondo Reigns a nessuno importa di Owens. Quest'ultimo risponde all'avversario che ha fallito, perché non è riuscito a impedirgli di tornare in piedi. Gli dà quindi molto semplicemente del colossale pezzo di sterco e lo informa che troverà il modo di prendere a legnate il cugino Jey in un match nel corso della serata.

Noi siamo i cattivi, ergo: la WWE ci umilia

- Non-Title Single Match: Big E vs King Corbin
Ritorna il sovrano del ring. Riuscirà a farsi valere contro una delle Superstar più calde degli ultimi mesi? No. Infatti quando sembra sul punto di prendere il sopravvento, Big E connette la Big Ending e si prepara a vincere. Ma lo fa per squalifica, dopo l'intervento di Sami Zayn. Il campione intercontinentale subisce l'assalto dei suoi nemici, ma basta l'arrivo di Apollo Crews per mettere in fuga i cattivi.

Notevole la maglia "Io sono il campione intercontinentale" di Sami. Vedo che c'è qualcuno che accetta la realtà ancora più malvolentieri di me.

- Tag Team Match: Big E & Apollo Crews vs King Corbin & Sami Zayn
Nella migliore tradizione teodorlonghiana, parte subito il match di coppia. Riusciranno i cattivi a recuperare la dignità perduta? Ma nemmeno un po'! Dopo pochi minuti si mettono infatti a litigare, Corbin abbandona Zayn che subisce la Blue Thunder Driver...1, 2, 3, schienamento vincente di Apollo.

- Kevin Owens interrompe Adam Pearce impegnato al telefono: lo informa di voler affrontare Jey Uso. La risposta è no, Owens chiede Reigns e la risposta è no. Allora torna a chiedere Jey Uso e la risposta diventa sì. Davvero funziona così il mondo del lavoro? Buono a sapersi.

FINE PRIMA PARTE
Per la seconda parte CLICCA QUI
Per la terza parte CLICCA QUI