WWE SmackDown 04/09/2020 report (1/3) - Innocentissimo irlandese



by   |  LETTURE 3674

WWE SmackDown 04/09/2020 report (1/3) - Innocentissimo irlandese

L'estate sta finendo, un anno se ne va, SummerSlam e Payback fanno parte del passato con tutto il loro carico di colpi di scena, ma c'è enorme attesa per ciò che SmackDown metterà nuovamente in campo. Perciò bando agli indugi, alla tastiera Menzo Multi-Multitasking, questo è il report di SmackDown Live. E sappiate che sono sì molto curioso, ma anche incazzato come una biscia di mio. Quindi proseguite a vostro rischio e pericolo.

- ROMAN REIGNS SI PRESENTA SULLO STAGE! La gente a casa dal ThunderDome lo fischia fin troppo rumorosamente (che ci sia stata la "manopola magica" della WWE?). Comunque a parlare è Paul Heyman, che nega di aver corrotto il Romano visto che tutt'al più è successo il contrario. Perché il suo nuovo assistito ha dato il cuore per questa gente, ha fatto tutto il possibile, ma nessuno ha mai detto grazie e anzi in parecchi hanno deciso che gli stava sulle palle. Poi si è trovato in stato di bisogno, e proprio allora tutti quanti hanno deciso di sostenere The Fiend. Un mostro nato per terrorizzare la gente, per essere mostruoso e quindi non tifato. Non per essere il volto della compagnia, che infatti è Roman. E ancora una volta, dagli torto al buon Paul-E!

Ad ogni modo ci spiega che il prossimo rivale di Roman uscirà da un Fatal-4 Way, i cui nomi nemmeno gli interessano e li lascerà scoprire a Anderson Cooper e l'amichetto speciale di Carmella (ossia Cole & Graves). Parla anche Roman, dicendo di aver mantenuto le promesse e che non gli interessa il suo prossimo avversario, perché è la sua isola. E con tutto il potere che ha, può solo vincere. Believe That! E tutto questo ci conferma che questo qua doveva essere cattivo sin dal principio.

- Jey Uso incrocia il cugino nel backstage: si complimenta per la vittoria, ma gli dice di non essere esattamente sicuro che abbia fatto bene a scegliersi cotanto nuovo alleato. Roman gli dice che è tutto sotto controllo, e lo snobba quando il gemello si propone come sua guardia del corpo. Perché io so' bello so' grosso e tu sei il cuginetto talentuoso ma scemo che gioca a fare il gangsta, quindi stacce.

Valigette e torte imperversano a SmackDown

- Tag Team Match: Heavy Machinery (Otis & Tucker) vs The Miz & John Morrison
Ci fa piacere intanto scoprire che un'ampia percentuale di questo quartetto ancora esiste, perché non ne eravamo esattamente certi. Le cose vanno esattamente come facile prevedere, dato che Otis è il più fortissimissimo dei quattro (sic), e infatti dopo un sostanziale equilibrio è il suo Corner Springboard Splash a decidere il tutto. E ovviamente a farsi schienare è il povero The Miz.

E però, e però, e però... Otis perde la valigetta! Non in maniera reale, purtroppo, ma intanto è Morrison a impadronirsene e a non ridargliela più. La speranza è che sia tutto legit e che WE HAVE A NEW MISTER MONEY IN THE BANK, BABY.

- Backstage con tanto di torta per il ritorno di Talking Smack e quello di Xavier Woods: ovviamente il responsabile del tutto è Big E, che accoglie gli invitati Lucha House Party e Drew Gulak. Nemmeno il mio diciottesimo fu così triste. Arriva quindi l'invitato che non ti aspetti: è uno Sheamus vestito da mafioso siciliano dei film, che spatarra Big E contro una macchina, facendolo apparentemente svenire. Perché Sheam-o (come lo chiamava CM Punk) c'ha un buon carattere, mi han detto.

Quindi Kayla Braxton, dopo la pubblicità, informa tutti che Big E ha probabilmente riportato strappi muscolari e qualche danno interno: necessario il ricovero in ospedale. Sheamus (che è irlandese ma dev'essere rimasto confuso da una recente visione di "The Departed") sostanzialmente se ne sbatte, dicendo anzi di non aver premeditato un attacco ma di essere passato di là e di aver voluto trattare il rivale come un sacco di patate perché era giusto così. In fondo se lo meritava, visto che rideva e ballava invece di pensare al match che avrebbe dovuto fare.

FINE PRIMA PARTE
Per la seconda parte CLICCA QUI
Per la terza parte CLICCA QUI