WWE SmackDown 18/10/2019 report (1/3) - Scontatezze e fanservice



by   |  LETTURE 1912

WWE SmackDown 18/10/2019 report (1/3) - Scontatezze e fanservice

Buongiorno e benvenuti al Friday Night SmackDown report! Stasera Shinsuke Nakamura tenterà di difendere l’Intercontinental Title dall’assalto di Roman Reigns, mentre ci sarà un Six-Pack Challenge match per decretare la prosima sfidante al titolo femminile e la campionessa Bayley sarà ospite del Miz TV.Nel Bankers Life Fieldhouse di Indianapolis tutto è pronto ed alla tastiera c’è il vostro SimoneSian.

Sigla e pyros, possiamo cominciare.

- Intercontinental Championship match: Shinsuke Nakamura vs Roman Reigns.

Nel finale Sami Zayn distrae Reigns ed il giapponese passa in controllo del match, arrivando ad un tentativo di Kinshasa, ma...SUPERMAN PUNCH!..1...2...NO!

Nakamura resiste e Roman si prepara per la Spear, ma...KING CORBIN LO COLPISCE CON LO SCETTRO! SQUALIFICA IMMEDIATA! Shinsuke è incredulo e Zayn è felice come un bambino.

Dopo il match...DEEP SIX SU REIGNS! ARRIVA DANIEL BRYAN!

L’American Dragon stende sia Corbin che l’IC Champion, ma poi viene trattenuto da Zayn e finisce vittima della Kinshasa. Il segmento termina così, con gli heel festanti a bordo ring.

- Siparietto nel backstage con Tucker che promette ai New Day che solleverà il loro morale dalla perdita del titolo e prepara un tavolo, ma Otis arriva e si beve l’impasto dei pancake, lasciando tutti schifati.

I due team saranno uniti più tardi per affrontare i Revival, Robert Roode e Dolph Ziggler.

- Shorty Gable vs Curtis Axel.

Match inutile, vittoria scontata per il piccoletto, che fa cedere Axel alla sua Ankle Lock.

Dopo il match Gable, intervistato da Kayla Braxton, dice che l’essere di bassa statura in fondo è stato un vantaggio, perché ha dovuto dimostrare quanto vale ed accettare ciò che è.

Sì, è basso, ma vale molto e, se vogliono prenderlo in giro, possono accorciarlo ancora e chiamarlo “Shorty G”. Come direbbe De Andrè, Gable forse “ha il cuore troppo troppo vicino al buco del c***”.

Ma lui non cambierà. Ok.

QUI LA SECONDA PARTE