WWE: la Wild Card Rule finirà presto, parola di Seth Rollins



by   |  LETTURE 1433

WWE: la Wild Card Rule finirà presto, parola di Seth Rollins

Vince McMahon ha introdotto la Wild Card Rule ad aprile, immediatamente dopo lo Shake Up, per cercare di far fronte agli ascolti televisivi sempre più in calo, ma andando di fatto a snaturare la divisione dei brand.

Sono state numerose le superstar che hanno espresso critiche nei confronti di questa fantomatica "rivoluzione, Kevin Owens in primis, e anche la reazione dei fan sui social non è stata delle migliori. A quanto pare il tutto potrebbe avere vita breve anche in funzione dei nuovi ruoli assunti da Paul Heyman e Eric Bischoff, rispettivamente direttori esecutivi di Raw e SmackDown.

Sulla questione è intervenuto anche Seth Rollins, che intervistato ai microfoni di Newsweek ha così dichiarato: "Penso che una volta che SmackDown approderà su Fox a ottobre, la WWE deciderà di abolire definitivamente la Wild Card Rule.

Questi mesi rappresenteranno le ultime occasioni per i fan di assistere a match interpromozionali che potrebbero sparire per un bel pò". L'ex Universal Champion ha anche commentato il perchè non sia mai stato affetto dalla Wild Card Rule e non abbia mai lottato all'interno dello show blu in queste settimane: "Raw è la mia casa.

Adoro SmackDown, ma hanno a disposizione soltanto due ore e ci sono numerosi lottatori che attendono da tempo di avere il loro momento sugli schermi. Non ho intenzione di andare lì e rubare quello che dovrebbe rappresentare il loro palcoscenico, l'opportunità di una vita.

Hanno un mucchio di talenti e la mia presenza non sarebbe necessaria. Inoltre non voglio avere minimamente a che fare con Shane McMahon". Rollins è sempre molto diplomatico nelle sue interviste ed è diventato il portabandiera della WWE, arrivando a difenderla dai continui attacchi degli hater citando un promo di CM Punk.

A SummerSlam avrà la possibilità di riconquistare lo Universal Championship quando affronterà ancora una volta il suo acerrimo rivale Brock Lesnar.