Niente Starrcast II per Undertaker e Kurt Angle: la WWE gliel'ha impedito



by   |  LETTURE 2755

Niente Starrcast II per Undertaker e Kurt Angle: la WWE gliel'ha impedito

Undertaker fuori dalla WWE, per un evento strettamente collegabile alla AEW, tanto caos produsse... che alla fine saltò. Da gennaio si parla della partecipazione del Deadman a Starrcast II, convention piena di leggende e star delle indipendenti che si terrà il 25 maggio a Las Vegas, durante il weekend di Double or Nothing (il ppv di esordio della All Elite Wrestling). Nel frattempo però molto è cambiato intorno alla situazione contrattuale di Undertaker, tanto da far saltare il tutto.

Come già detto, infatti, Taker ha recentemente firmato un nuovo, importante contratto con la WWE che di fatto lo vincola ad apparire in soli eventi legati alla compagnia di Vince McMahon e annulla tutti gli impegni assunti in questi mesi e che lo avrebbero portato a partecipare a eventi esterni alla compagnia.

Uno di questi era appunto Starrcast II, che era stato inizialmente confermato dato il costo importante delle penali da pagare in caso di sua mancata partecipazione. Ma a quanto pare è stata la WWE stessa a decidere di pagarle, piuttosto che vedere uno dei propri volti simbolo per antonomasia prendere parte a un evento della concorrenza.

A confermare tutto questo è stato Conrad Thompson, organizzatore di Starrcast II, che a 'Sports Illustrated' ha riassunto ciò che è avvenuto per permettere alla situazione di sbloccarsi: "L'annuncio ha avuto un'attenzione colossale ed è diventato virale, tanto da attirare l'attenzione di Vince McMahon che ha contattato via messaggio Undertaker per chiedergli conto della sua partecipazione all'evento. I rappresentanti di Undertaker, che sono una compagnia che si chiama Get Engaged, mi hanno chiamato informandomi che secondo la WWE molto semplicemente Taker non lo poteva fare".

"Un mio amico ha parlato personalmente con Vince per risolvere il problema e mi ha assicurato che non ce l'avevano con me o con il mio evento, ma volevano solo rendere chiaro che Undertaker non avesse la possibilità di partecipare. Mi è stato assicurato che i mancati introiti mi saranno pagati, che mi sarà offerta un'adeguata soluzione alternativa alla sua assenza o che comunque si troverà un accordo che renda tutti felici", ha concluso Thompson.

A questo punto è evidente che, se il promoter dice il vero, la vera gatta da pelare per la WWE sia stata provocata da Undertaker stesso. E una volta assicurato che né lui né Kurt Angle parteciperanno all'evento, resterà da capire se il leggendario Becchino andrà incontro a qualche conseguenza con i suoi datori di lavoro.