I wrestler WWE hanno trovato il modo per farsi rilasciare? Ecco quale


by   |  LETTURE 3236
I wrestler WWE hanno trovato il modo per farsi rilasciare? Ecco quale

Negli ultimi mesi, come sappiamo, alcuni wrestler WWE hanno chiesto il rilascio da parte della federazione in quanto poco felici del loro utilizzo. Negli ultimi mesi alcuni ci sono riusciti, come Tye Dillinger, altri a breve ce la faranno, come Luke Harper e Dean Ambrose.

Altri ancora, come i Revival, Mike e Maria Kanellis e Sasha Banks, sembrano essere diventati "ostaggi" dei rispettivi contratti con la compagnia di Stamford. Per quale motivo la WWE sta usando due pesi e due misure? Dave Meltzer recentemente ha analizzato nella 'Wrestling Observer Newsletter' quali potrebbero essere le modalità, da parte dei wrestler sotto contratto ma scontenti dei piani che la compagnia ha per loro, per farsi rilasciare.

Il "segreto", se così si può definire, è quello di non postare nessun messaggio criptico sui social o, più in generale, in tutti gli eventi pubblici. Al contrario, l'unica strada percorribile sarebbe quella del dialogo: il wrestler in questione si siede al tavolo con i dirigenti, spiega le ragioni per le quali vorrebbe lasciare la compagnia e la WWE, se le ritiene valide, avvallerà questa decisione.
Dave Meltzer cita come case study quelli di Tye Dillinger, che ha persino spiegato pubblicamente le ragioni per le quali se ne è andato.

Lo stesso fatto è accaduto, sebbene non ci siano delle dichiarazioni ufficiali a riguardo, per Dean Ambrose e qualche anno fa è accaduto lo stesso con Jack Swagger.
Altri, invece, come i Revival e Sasha Banks, che hanno creato non pochi problemi dal punto di vista della comunicazione social e non solo, non sono stati accontentati proprio perchè la WWE vuole evitare nella maniera più assoluta dichiarazioni pubbliche che possano ledere l'immagine della compagnia.

Se queste voci fossero confermate, avremo un vero e proprio "vademecum" su come farsi rilasciare dalla WWE: sarà davvero così oppure ci sono altre ragioni?