Ronda Rousey tra personaggio e realtà: "La WWE non mi serve"



by   |  LETTURE 10170

Ronda Rousey tra personaggio e realtà: "La WWE non mi serve"

Ronda Rousey (o chi si nasconde dietro di lei a livello di scrittura) ha deciso di portare la sua storyline nella vita reale, come appare ormai sempre più evidente.

La Rowdy, lunedì scorso a Raw, è stata protagonista di uno dei segmenti più sorprendenti della settimana, quando ha affrontato Stephanie McMahon al centro del ring dello show rosso e ha affermato di essere arrivata in WWE per affrontare un'avversaria come Becky Lynch e non sfide diverse. Di fronte al monito di Steph ("Non fare l'errore di considerarti superiore alla WWE") ha quindi abbandonato la scena depositando la sua cintura sul quadrato.

In settimana si è quindi resa protagonista di un feroce scambio di tweet con la stessa Becky che ha tratto in inganno molti fan, tanto sembrava reale e non concordato (cosa che invece era). E adesso è addirittura intervenuta sul suo canale di YouTube personale rovesciando nuovo veleno sulla WWE e soprattutto la sua dirigenza, lasciando aperta anche la possibilità di un addio.

"Io adoro il mio lavoro in WWE, ma non ne ho realmente bisogno - ha dichiarato l'ex campionessa UFC nel corso della rubrica 'Ronda on the Road', che ha raccontato il suo viaggio verso la puntata di Raw di Atlanta -. E quindi ho tutto il diritto di andarmene e vivere una vita felice con mio marito, sin dal momento in cui iniziassi a sentirmi scontenta dove sono ora".

"L'Authority, come in questa compagnia dicono di chiamarsi - ha proseguito -, è abituata a bullizzare tutti quelli che trova in giro e come ho già detto hanno il solo merito di dare ai loro dipendenti il necessario per vivere un'esistenza agiata, ma a condizione che loro si pieghino a ogni volere piovuto dall'alto. Ebbene, io non lo farò":



Insomma, un vero e proprio promo in perfetto stile WWE. Arrivato però all'esterno della WWE stessa, su un canale personale della lottatrice che - va detto - si sta impegnando non poco in vista della sua prima WrestleMania affrontata da Superstar WWE già affermata e non da debuttante della compagnia.