Becky Lynch e Ronda Rousey, durissimo scontro social: ecco chi c'è dietro



by   |  LETTURE 8408

Becky Lynch e Ronda Rousey, durissimo scontro social: ecco chi c'è dietro

Becky Lynch e Ronda Rousey (in particolare quest'ultima) hanno fatto ampiamente discutere in questi giorni per un durissimo scambio di battute e accuse via Twitter, che sul web qualcuno aveva scambiato per una reale dimostrazione di antipatia tra le due. Una grave dimostrazione di non professionalità, se così fosse stato, in particolare da parte della 'Rowdy' che aveva accusato la rivale di utilizzare una mossa "finta" e di aver pubblicato fotografie "false" della sua detenzione in carcere.

Ebbene, nel frattempo è stata fatta chiarezza sul tutto, con Dave Meltzer che parlando nella sua 'Wrestling Observer Radio' si è detto certo che ci sia un importante zampino di Paul Heyman. "Tutto ciò che riguarda Ronda in qualche modo ha a che fare con Heyman - ha dichiarato -. Chiariamoci, non è che tutto quello che dice o fa nasca da un'idea di Heyman, non c'è solo Heyman dietro i promo e le azioni di Ronda. Però si vedono le impronte digitali di Paul in praticamente tutto il suo operato, perché su personaggi del genere lui ci sa davvero fare e questa Ronda rispetta in tutto e per tutto il suo modo di fare. Lo conosco bene, so come lavora e lavora proprio in questo modo".

Riavvolgendo il nastro, ad accendere la miccia era stata Becky (che secondo storyline è stata arrestata in seguito alle tante intemperanze di queste settimane): Ronda a Raw ha riconsegnato la cintura di campionessa a Stephanie McMahon, affermando di voler affrontare solo ed esclusivamente la lottatrice irlandese a WrestleMania, con quest'ultima che ha affermato di non volerla strappare a Stephanie ma di essere arrivata fino a questo punto proprio per affrontare Ronda.
 


A questo punto, di fronte alle accuse di aver pubblicato "false foto dalla prigione", Becky ha invitato la rivale a non usare la parola che inizia con la "F" e a lavorare per integrarsi al meglio nella disciplina invece che ritenersi superiore ad essa:


Qui Ronda è andata ancora più sul pesante, definendo "falsa" anche la Dis-Arm-Her, mossa finale di Becky che a suo modo di vedere addirittura proverebbe che The Man soffre di invidia del pene:


Di fronte a un'ulteriore risposta a tono della rossa di Dublino, quindi, la campionessa si è rivolta a lei chiamandola con il suo vero nome (Rebecca Quin) promettendole che indipendentemente dal copione la prossima volta che la vedrà la farà a pezzi:


Toni molto, molto aspri dunque. Ma, a quanto pare, prodotto solo di un'efficace storyline. Con la lunga mano di Paul Heyman dietro di essa...