Elimination Chamber: ecco i piani per i possibili cambi di titolo


by   |  LETTURE 3360
Elimination Chamber: ecco i piani per i possibili cambi di titolo

Elimination Chamber, sulla carta, è un ppv che può scombinare non poco gli assetti della WWE in vista di WrestleMania. Magari non ai livelli della Royal Rumble, ma quasi. Già in passato moltissime volte il vincitore dello scontro a sei che dà il nome all'evento si è poi laureato o nuovo campione assoluto o primo sfidante al titolo (il caso più recente è quello di Roman Reigns, vincitore della Chamber del 2018).

Altre volte, invece, uno sconfitto di lusso ha fatto partire proprio da Elimination Chamber la sua rincorsa verso il campione, infine non sono mancati casi in cui faide stellari sono partite proprio da qui (si pensi a Elimination Chamber 2010, quando Undertaker cedette il suo titolo di World Heavyweight Champion a Chris Jericho a causa dell'interferenza di Shawn Michaels, nemmeno iscritto al match ma che in questo modo ottenne di sfidare il Becchino a WrestleMania).

Ebbene, a parte la seconda possibile casistica (quella di laureare un nuovo primo sfidante, in questo caso per il WWE Champion), pare che l'edizione 2019 di Elimination Chamber non rispetterà questi precedenti.

Secondo quanto raccolto da 'Cageside Seats', infatti, sembra proprio che la WWE non abbia in programma nessun cambio di titolo nello show di domenica prossima. Nemmeno per quanto riguarda appunto l'Elimination Chamber, in cui a quanto pare Daniel Bryan dovrebbe resistere all'assalto di Randy Orton, Jeff Hardy, Mustafa Ali, Samoa Joe e l'eterno rivale AJ Styles, confermandosi campione di SmackDown.

L'unica novità riguarderà quindi i nomi delle Women's Tag Team Champions, trattandosi ovviamente di un titolo che esordirà proprio in questa occasione. Questa, in ogni caso, la card di Elimination Chamber 2019, quando ancora devono disputarsi le ultime puntate di Raw e SmackDown prima dello show:

↓ VISUALIZZA PROGRAMMAZIONE ↓