C'è qualcosa nella Royal Rumble 2019 che ha fatto infuriare Vince McMahon


by   |  LETTURE 5077
C'è qualcosa nella Royal Rumble 2019 che ha fatto infuriare Vince McMahon

La Royal Rumble 2019 si è conclusa per molti versi come i fan desideravano, ossia con la vittoria delle risse reali da parte dei beniamini Seth Rollins e Becky Lynch, che si sono così conquistati il diritto di lottare nei main event di WrestleMania, rispettivamente quello maschile e quello femminile.

Peccato che qualcosa di ciò che è andato in scena a Phoenix non sia affatto piaciuto a qualcuno, e quel qualcuno non è certo una persona di poco conto: si tratta infatti nientemeno che del capo dell'intera baracca, Vince McMahon.

Secondo quanto riferito da Felix Upton di 'Ringside News', è stata proprio la rissa femminile che avrebbe premiato Becky a far ribollire il sangue di Vince, già nervoso man mano che il match si svolgeva e addirittura furibondo quando si è concluso.

La fonte ha spiegato i motivi dietro la furia del Boss, provocata da una Rumble piena di problemi rispetto a quanto era stato pianificato. Gli ingressi di diverse lottatrici sono infatti arrivati ben oltre i due minuti di intervallo che erano stati previsti, e il motivo è che le atlete sul ring spesso non sono riuscite a completare gli spot a loro assegnati nel tempo previsto.

Tutto questo ha ritardato di molto i tempi e allungato la durata della Rumble stessa, che non a caso è durata un'ora e 12 minuti contro i 57 minuti e mezzo di quella maschile. Upton ha spiegato che sia Vince che Kevin Dunn erano talmente infuriati da lasciarsi andare a urla e parolacce nella zona produzione, con la lunghezza dell'incontro che a quanto pare è stata addirittura un problema minore rispetto al posizionamento delle atlete rispetto ai cameraman (o viceversa): un vero e proprio caos generale che ha causato ritardi e una Rumble molto meno scorrevole rispetto ai piani. Oltre che una notte di rabbia incontrollata per papà Vince.