Braun Strowman non si arrende: "Farò la Royal Rumble"


by   |  LETTURE 3311
Braun Strowman non si arrende: "Farò la Royal Rumble"

Braun Strowman non prenderà parte a Royal Rumble secondo quanto era stato previsto fin da dicembre, vale a dire sfidando Brock Lesnar per il titolo di Universal Champion, ma non è detto che non partecipi alla Royal Rumble.

L'ex primo sfidante alla massima cintura di Raw è recentemente intervenuto su 'App.com' per raccontare le sue sensazioni dopo aver perso l'occasione di sfidare il campione, ma anche come intende muoversi ora (il tutto rispettando la keyfabe, ovviamente).

"Questa situazione è una pillola piuttosto dura da inghiottire - ha dichiarato -, ma allo stesso tempo ho intenzione di sfruttarla per alimentare il fuoco che mi muove e che fa correre all'impazzata il treno del Mostro.

Niente mi fermerà dal mio obiettivo di raggiungere la cima della montagna" E il suo obiettivo dichiarato, ora, è quello di tornare nella card della Royal Rumble, per prendere però parte all'evento più canonicamente legato all'immagine che tutti hanno dello show: "Farò del mio meglio per entrare nella rissa a trenta uomini.

So che in questo momento non sono nelle grazie del Boss, dopo che gli ho distrutto la limousine e cose del genere. Perciò quello che devo fare è andare lì alla vecchia maniera, quella attraverso cui Braun Strowman ha sempre ottenuto ciò che voleva.

Magari prima dovrò giusto fare un po' di persuasione, di quella pesante" Insomma, pur restando nel personaggio Braun Strowman ha lasciato intendere che la sua estromissione dal match titolato non vuol dire necessariamente che non prenderà parte alla Royal Rumble.

Del resto diverse voci, in questi giorni, hanno riferito che la scelta della WWE non sia nata per punirlo quanto per proteggerlo (impedendogli di subire un'altra sconfitta per mano di Brock Lesnar). Tutto questo, aggiunto al dominio dimostrato da Strowman nelle ultime circostanze in cui ha combattuto contro diversi avversari contemporaneamente (inclusa la Rumble del 2018 e la Greatest Royal Rumble), rischia di gettare sotto una nuova luce l'intero evento, tramutando il Mostro in uno dei favoriti d'obbligo alla vittoria finale. O quantomeno dei potenziali dominatori della rissa a trenta uomini.