La WWE ha aperto il primo Performance Center in Inghilterra


by   |  LETTURE 650
La WWE ha aperto il primo Performance Center in Inghilterra

A poche ore di distanza da TakeOver Blackpool, evento speciale dedicato alle stelle di NXT UK, Triple H ha sorpreso tutti con l'annuncio dell’apertura del primo Performance Center britannico, la prima struttura al di fuori dei confini degli Stati Uniti dedicata agli allenamenti della WWE, che ne simboleggia anche l’impegno nel promuoversi anche a livello mondiale.

Con 17.000 metri quadri, due ring dedicati agli allenamenti, impianti di condizionamento di prim’ordine e un’infrastruttura dai contenuti versatili, il Performance Center permetterà alla WWE di allenare gli atleti attraverso programmi completi, includendo gli allenamenti sul ring, la preparazione fisica e lo sviluppo della personalità del personaggio.

In una conferenza stampa tenutasi a Londra, alla quale hanno presenziato anche Finn Balor e Charlotte Flair, Triple H ha così dichiarato: "Questa è l’ultima pietra miliare nella nostra strategia globale localizzata e il prossimo passo sarà quello di istituire un NXT local brand in tutto il mondo.

Siamo incredibilmente orgogliosi di aprire il Performance Center britannico e di fornire alle nostre Superstar di NXT UK lo stesso tipo di allenamento e programmi di sviluppo che usiamo al Performance Center di Orlando in Florida.” ​ Al momento il roster di NXT UK è composta da 30 dei migliori talenti europei, tra cui l'attuale United Kingdom Champion Pete Dunne, Tyler Bate e Trent Seven, che hanno firmato dei contratti esclusivi con il brand, dando il loro addio definitivo alle indipendenti.

Il Performance Center di Orlando, in Florida, permette a numerose stelle di NXT di allenarsi costantemente e di affinare le loro qualità prima di approdare nel main roster, oltre a portare avanti delle storyline, come accaduto in passato tra Charlotte Flair e Becky Lynch.

Insomma, il futuro della WWE oltreoeano sembrerebbe essere più roseo che mai e chissà se non ne arriverà prima o poi anche uno nel nostro Paese.