WWE NEWS

Assurdo: Chris Benoit diventa testimonial di una marca di patatine *VIDEO*

-  Letture: 1739
by Roberto Trenta

Incredibile quanto visto durante alcuni video pubblicitari per una nota marca di patatine americane

Negli Stati Uniti ogni giorno è buono per vedere qualche stranezza, ma addirittura che un'azienda di patatine fritte prenda come testimonial un ex atleta passato alla storia come omicida-suicida non si era mai visto, fino a qualche giorno fa ovviamente.

Il fattaccio che ha indignato molti fan della disciplina e molte persone al di fuori del mondo del wrestling, è legato all'azienda produttrice di patate fritte chips, l'americana Walker Crisps, la quale ha indetto un gioco in cui metteva a disposizione alcuni biglietti della finale di UEFA Champions League ai vincitori, nel quale bisognava mandare un tweet sul proprio profilo personale Twitter con l'hashtag "WalkersWave" con allegata una foto personale che sarebbe diventata magicamente il volto dello sponsor.

Ovviamente tali foto venivano caricate in automatico, con alcuni programmi appositi, in determinati video-spot della compagnia e prontamente mandati online. Alla vista di tale possibilità, i soliti imbecilli che popolano il mondo del web, hanno pensato bene di inviare alla compagnia diverse foto di serial killer, stupratori, rapinatori e gente passata alla storia per fatti di cronaca nera, compreso il buontempone che ha inviato la foto di Chris Benoit, che come non serve ricordare ha messo fine alla propria vita e a quella dei suoi cari in maniera tragica nel 2007.

Ovviamente dopo la ricezione della foto, il programma ha immediatamente creato ben due video con la foto di Benoit come mascotte e lo ha diramato sui vari accunt ufficiali della compagnia, senza ovviamente sapere che lo stava facendo con un volto non proprio amato della cronaca nera USA.
Dopo essersi accorti del madornale errore, la compagnia ha prontamente rimosso tutto il materiale contenente foto di assassini e persone finite in galera per tali fatti e si è scusata tramite le proprie pagine social. Potete comunque vedere il video che è rimasto online qui di seguito:

.

Powered by: World(129)