Damian Priest e i guai con le corde a Clash at the Castle: l'opinione della WWE

Il problema del World Heavyweight Champion e quello di Jade Cargill hanno fatto drizzare le antenne a qualcuno, ma pare che a Stamford la situazione sia stata prontamente analizzata.

by Marco Enzo Venturini
SHARE
Damian Priest e i guai con le corde a Clash at the Castle: l'opinione della WWE
© WWE X/Fair Use

WWE Clash at the Castle è stato accolto come uno degli eventi in ppv più interessanti e di successo dell'era Triple H, per quanto è avvenuto nei vari match tenutisi in Scozia e anche per le tante conseguenze che essi hanno creato. Tuttavia non sono mancate le polemiche, con una certa, serpeggiante preoccupazione dei fan sulla sicurezza delle corde utilizzate durante lo show (soprattutto dopo ciò che è avvenuto a Damian Priest). La risposta della WWE a questa controversia è stata ora rivelata.

L'argomento di discussione dopo WWE Clash at the Castle era incentrato su diversi problemi con le corde a cui si è assistito durante l'evento. Un esempio degno di nota ha coinvolto Jade Cargill, che ha tentato una mossa in cui ha saltato attraverso le corde, sbagliando il suo spot. Un altro, ben più grave e che ha fatto il giro del web, si è verificato durante il main event quando Damian Priest ha provato a eseguire un tuffo attraverso le corde restandovi a lungo incastrato con la caviglia. Il problema ha peraltro creato grosse preoccupazioni in merito a un possibile infortunio del World Heavyweight Champion.

Le corde di Clash at the Castle avevano qualche problema? Le riflessioni della WWE

Critici e detrattori si sono fatti l'idea che questi errori dimostrino l'esistenza di alcuni problemi con le corde stesse, suggerendo che gli incidenti erano direttamente correlati alla condizione o alla configurazione delle corde utilizzate durante Clash at the Castle, ma diverse Superstar della WWE (a partire da Shayna Baszler) sembrano non pensarla in questo modo.

In base a quanto riportato da 'Fightful Select', interrogata sugli incidenti con le corde capitati a diverse Superstar durante Clash at the Castle, una fonte interna alla WWE li ha attribuiti alle corde usate in Scozia e li ha liquidati come casi di sfortuna. La fonte ha indicato che la dirigenza della compagnia di Stamford non sia particolarmente preoccupata che situazioni simili possano ripresentarsi in futuro.

Gli incidenti accadono continuamente nel mondo del wrestling professionistico e tutto ciò che è accaduto a Clash at The Castle difficilmente accadrà di nuovo nello stesso modo, o quantomeno la WWE è convinta che questa sia la situazione. E, nel caso non sia così, il problema è già stato inquadrato e superato.

Jade Cargill
SHARE