WWE NEWS

Shawn Michaels a cuore aperto: "Ecco perche' non torno a lottare"

-  Letture: 2602
by Marco Enzo Venturini

HBK ha spiegato per quale motivo ha deciso di rifiutare l'offerta di combattere in un match contro AJ Styles che sarebbe stato stellare.

Shawn Michaels vs AJ Styles si poteva fare. Si poteva fare davvero, e addirittura a WrestleMania 33.

Tanto che Vince McMahon in persona ha provato a convincere HBK a tornare sui suoi passi e a rinunciare a un ritiro da sempre dichiarato definitivo. E che anche in questa occasione si è rivelato tale.

Lo ha confermato ai microfoni della stessa WWE, in particolare di 'Table For 3', il diretto interessato, vale a dire Shawn Michaels.

Che lo Showstopper potesse tornare in azione nel corso del 2017 era un'idea che circolava da mesi, anche da prima della Royal Rumble che si sarebbe disputata nella sua città natale (San Antonio), oltretutto a vent'anni esatti da una sua conquista della cintura di campione WWF.

Sin da subito si è parlato di uno scontro da sogno contro AJ Styles, una voce alimentata dallo stesso Fenomenale che non ha mancato occasione per sottolineare quanto gli sarebbe piaciuto affrontare una leggenda della disciplina che oltretutto è anche un suo idolo di ogni tempo.

"Tuttavia mi sono visto costretto a rifiutare la proposta - ha spiegato Michaels -.

Alla Royal Rumble avrei potuto combattere contro AJ Styles, ma ho detto di no per diversi motivi. Intanto ho 51 anni e sono ben lontano dal livello di forma di una volta. Inoltre non credo che tornare a distanza di tanti anni soltanto per disputare un incontro e perderlo sia una grande idea.

Oltretutto combattere di nuovo sul ring sarebbe incoerente con quanto la mia carriera ha sempre raccontato".

Niente di nuovo: recentemente lo stesso HBK aveva anche spiegato come non avesse voluto accettare l'offerta di Vince in persona, che gli aveva chiesto di affrontare lo stesso AJ Styles addirittura a WrestleMania.

A lasciare stupefatti piuttosto è l'estrema lucidità di un leggendario lottatore come il texano, che rispetto a tanti suoi colleghi (spesso coetanei) è riuscito a rompere il cordone ombelicale che lo legava al ring di wrestling in maniera a quanto pare davvero definitiva.

Operazione che, in quest'epoca di grandi ritorni e periodi incentrati sui part timer, sappiamo bene non tutti riescono a completare in maniera altrettanto efficace. .

Powered by: World(129)