Perché Rikishi non era a WrestleMania 40? Risponde il figlio Jey Uso

Dopo gli innumerevoli podcast e interviste dove il WWE Hall of Famer parlava di un possibile angle con la Bloodline, arriva il chiarimento del figlio

by Roberto Trenta
SHARE
Perché Rikishi non era a WrestleMania 40? Risponde il figlio Jey Uso
© WWE YouTube / Fair Use

Uno dei grandi protagonisti della famiglia Anoa'i nella storia della WWE è sicuramente Rikishi, padre di Solo Sikoa e dei gemelli Usos, divenuto qualche anno fa WWE Hall of Famer, dopo una carriera stellare che lo aveva visto avere feud con i personaggi più importanti del roster della WWE, come Triple H, Undertaker, The Rock.

In parecchie delle sue ultime interviste e partecipazioni a diversi podcast, Rikishi aveva suggerito come avrebbe potuto prendere parte a qualche angle insieme alla Bloodline in quel di WrestleMania 40, con il match tra i suoi due figli gemelli che sembrava essere il pretesto perfetto per farlo tornare sui ring della WWE, anche solo con un ruolo come l'arbitro speciale.
Nella sua ultima intervista, però, Jey Uso ha voluto parlare di questo argomento, spiegando la situazione ai microfoni di Alex McCarthy per Daily Mail, dicendo:

"Diavolo si, ho sempre voluto che mio papà fosse coinvolto, anche solo per fare da arbitro... semplicemente non penso che mio papà sia in grado adesso, bisogna fare su e giù, perché gli arbitri, loro fanno tutte queste cose, salgono e scendono, fanno pushup per tutto il match, fanno un grande workout. Magari un promo per prima del match, qualcosa con un bel promo in mezzo, un bel segmento. Magari ci potrebbe essere prima o poi il tempo per una cosa del genere".

Le ultime parole di Rikishi sul possibile ritorno con la Bloodline

In una delle sue ultime interviste, Rikishi aveva voluto parlare di un possibile ritorno sui ring della WWE, solo per stare al fianco della Bloodline, totalmente composta da membri della sua famiglia, la famosa famiglia samoana degli Anoa'i, con il WWE Hall of Famer che aveva infatti affermato:

"Quando hai 80000 persone che ti incitano o che ti fischiano, per un dream match che vogliono i fan, è veramente una cosa bella. Sarebbe veramente bello. Sarebbe dannatamente bello.
Sarebbe una cosa grandiosa. Tutti quanti starebbero lì a fare foto. Sarei in grado di poter salire ancora una volta sul ring coi miei ragazzi e semplicemente godermi questo momento con 80000 o 90000 persone che stanno lì sedute a godersi tutto questo
".

Wrestlemania Bloodline
SHARE