Arn Anderson elogia il lavoro svolto da Cody Rhodes in WWE

Il ritorno di Cody Rhodes in WWE ha dato i suoi frutti

by Simone Brugnoli
SHARE
Arn Anderson elogia il lavoro svolto da Cody Rhodes in WWE

Arn Anderson è convinto che la WWE abbia raggiunto gli obiettivi prefissati con il ritorno di Cody Rhodes. ‘The American Nightmare’ era apparso lo scorso anno a WrestleMania 38, scioccando il mondo intero e iniziando una bellissima rivalità con Seth Rollins.

L’ex stella della AEW ha ricevuto una splendida accoglienza da parte dei fan e ha dimostrato di essere uno dei migliori performer in circolazione. La sua ascesa si è bruscamente interrotta alla vigilia di Hell in a Cell 2022, complice uno strappo al muscolo pettorale.

Quell’infortunio lo ha tenuto fermo fino alla Royal Rumble 2023, andata in scena sabato 28 gennaio a San Antonio. Il 37enne di Marietta è tornato in grande stile, vincendo la rissa reale e guadagnandosi un posto nel main event di WrestleMania 39.

“Il ritorno di Cody Rhodes è stato un toccasana per la WWE in un momento di grande difficoltà. Contrariamente alle aspettative iniziali, Cody ha ricevuto fin da subito un enorme push e ha ripagato la fiducia della dirigenza sfoderando una serie di eccellenti prestazioni.

Il ritorno di Rhodes in WWE ha dato i suoi frutti, bisogna ammetterlo” – ha analizzato Anderson nell’ultima edizione del suo podcast.

Cody Rhodes è ad un passo dalla storia

Dopo essersi aggiudicato la rissa reale maschile, Cody Rhodes è pronto per affrontare Roman Reigns nel main event di WrestleMania 39.

Il ‘Tribal Chief’ è imbattuto da circa tre anni e nessuno è stato in grado di spezzare la sua egemonia. Cody potrà contare sul supporto del WWE Universe, che gli ha dimostrato un affetto francamente inaspettato.

Ospite nell’ultima edizione di ‘My Mom’s Basement’ (parole riportate da Sportskeeda), il 37enne di Marietta ha rivelato come si è sentito quando ha rimesso piede a Stamford: “Devo ammettere che all’inizio mi sono sentito un estraneo e – per certi versi – anche un nemico.

Ero stato uno dei fondatori della All Elite Wrestling e avevo rilasciato alcune dichiarazioni forti negli anni precedenti, tutte cose che non si potevano cancellare. Con il passare del tempo la situazione è migliorata, grazie anche alla presenza nello spogliatoio di alcuni volti familiari come Kofi Kingston”.

Cody Rhodes
SHARE