Erik Watts: "Goldberg diceva che il wrestling era tutta finzione"

Goldberg ha più volte diviso l'opinione pubblica con le sue dichiarazioni

by Simone Brugnoli
SHARE
Erik Watts: "Goldberg diceva che il wrestling era tutta finzione"

Bill Goldberg non era minimamente interessato ad entrare nel business del wrestling all’inizio, parole e musica di Erik Watts. Quest’ultimo, figlio del leggendario promotore di wrestling Bill Watts, ha sempre nutrito una grandissima passione per il wrestling.

Bill, al contrario, ha iniziato a lottare solo all’età di 30 anni dopo aver provato a sfondare nel football. In un’intervista rilasciata a ‘WSI’ e riportata da Sportskeeda, Watts ha ricordato una conversazione che ebbe con il WWE Hall of Famer agli inizi della sua carriera: “Ho chiesto a Bill Goldberg quale fosse il suo pensiero sul wrestling e lui mi ha risposto che non era un business che gli interessava.

Diceva che era tutta finzione. Il suo obiettivo era quello di allenarsi per entrare nella UFC. Io gli ho spiegato che non ce l’avrebbe mai fatta. L’unico modo per sfondare nelle arti marziali miste è allenarsi duramente fin da bambini”.

Goldberg ha diviso l'opinione pubblica

Goldberg ha debuttato in WCW il 22 settembre 1997, durante un episodio di Nitro. Non ci ha messo molto per diventare una delle migliori superstar della compagnia, realizzando una striscia di vittorie che lascia tutti di stucco ancora oggi.

La situazione contrattuale di Goldberg con la WWE non è del tutto chiara. Tuttavia, è probabile che il suo accordo con la federazione di Stamford sia valido anche per tutto il 2023. Secondo quanto riferito dal noto portale ‘GiveMeSport’, Bill non si è ritirato dal wrestling ed è pronto a tornare in qualsiasi momento.

Ospite nell’ultima edizione del ‘Roman Atwood Podcast’, Bill ha ricordato il suo passaggio dalla WCW alla WWE: “In WCW ero stato il campione indiscusso per parecchio tempo. In origine, non credo che la WWE mi volesse trasformare in un volto simbolo dell’azienda.

Dal loro punto di vista, non sarei dovuto essere il campione per più di 10 minuti. È buffo che io abbia ancora un contratto con la WWE dopo tutti questi anni”. Vedremo se il fuoriclasse di Tulsa riuscirà a trovare spazio sul ring quest’anno. Il suo destino è nelle mani di Triple H.

Goldberg
SHARE