Gemelle Cavinder: la WWE le sta plasmando per essere le prossime Bella Twins



by   |  LETTURE 1501

Gemelle Cavinder: la WWE le sta plasmando per essere le prossime Bella Twins

Hanna e Haley Cavinder sono gemelle che hanno giocato nel campo del basket universitario e fanno parte del NIL (Next In Line) Program della WWE, progetto che è nato per aprire la strada nella compagnia per gli atleti universitari. In particolar modo le due sono diventate famose su TikTok e sono in WWE dal dicembre 2021.

A parlare di loro ci ha pensato il WWE Senior Vice President e Head of talent operations and strategy James Kimball, dicendo che sperano di renderle, sotto un certo punto di vista, come le Bella Twins: “Parlare di precedenti storici," Kimball ha detto a ESPN. "Se le Cavinders dovessero anche solo avvicinarsi un po’ ad una carriera come quella delle Bella Twins, penso che tutti sarebbero molto felici. Ne abbiamo parlato. Questo è ciò che stiamo cercando di identificare. Dov'è il potenziale? Dov'è l'archetipo per questo tipo di talento che stiamo portando? Le Cavinders hanno una grande opportunità di diventare qualcosa che si differenzia davvero.”

Alla fine, che le due gemelle si uniscano o meno effettivamente alla WWE, Kimball vede i benefici della partnership con le stelle dei social media e dei college: “Alla fine della giornata, quando una decisione viene messa di fronte a loro, ci sentiamo sicuri che stiamo per avere un posto a quel tavolo", ha detto. “È utile per la WWE collaborare con le gemelle Cavinder.”

Il commento delle gemelle sul loro futuro in WWE

Parlando in una chiacchierata con The Spun risalente a giugno 2022, le gemelle avevano parlato proprio del loro possibile futuro con la compagnia di Stamford, affermando quanto segue tramite una delle due, ovvero Hanna:

"Quindi, sicuramente non chiuderemo nessuna porta, ma andremo lì per vedere un evento e poi vedremo alcune strutture. La WWE ha una delle fanbase più leali che abbia mai visto nella mia vita. La vivono. Essere in grado di allinearsi con il loro pubblico ed essere un po’ in grado di portare ad un’unione il pubblico nostro e quello loro, è stato molto emozionante da vedere. Sono molto competitivi e noi siamo molto competitive, quindi non possiamo aspettare. Non chiuderemo nessuna porta però.”