Meeting tra il personale WWE dopo il ritorno di Vince McMahon: cos’è emerso?

La WWE ha tenuto un meeting con i dipendenti per parlare di quello che potrebbe cambiare o meno con il rientro di Vince McMahon

by Rachele Gagliardi
SHARE
Meeting tra il personale WWE dopo il ritorno di Vince McMahon: cos’è emerso?

Vince McMahon è ufficialmente tornato in WWE dopo che il Wall Street Journal aveva già anticipato la cosa solo qualche ora prima: “5 gennaio 2023- Vince McMahon, fondatore e azionista di controllo della World Wrestling Entertainment Inc., ha annunciato oggi di aver intrapreso le azioni necessarie per posizionare la compagnia in modo da capitalizzare un’opportunità unica per massimizzare il valore a lungo termine per tutti gli azionisti della WWE. 

Queste azioni da intraprendere, comunicate oggi al consiglio di amministrazione della WWE tramite consenso scritto, includono l’elezione nel consiglio di Mr. McMahon, nonché di Michelle Wilson e George Barrios, ex co-presidenti e membri del consiglio della WWE, e attualmente co-fondatori e Co-CEO di Isos Capital Management – e la necessaria rimozione dal consiglio di tre amministratori. Il signor McMahon prevede di assumere il ruolo di presidente esecutivo del consiglio di amministrazione,” questo recita in parte il comunicato ufficiale WWE.

Una riunione di emergenza per questo ritorno improvviso

La WWE ha tenuto un meeting con i dipendenti intorno alle 15:45 nella giornata di ieri per quanto riguarda la questione. Secondo Fightful, i talenti della WWE non sono stati coinvolti nella riunione. Mike Johnson di PWInsider ha sottolineato che l'incontro è durato circa dieci minuti. Si dice che sia stato un incontro fatto semplicemente per sollevare il morale dei dipendenti e niente di più, quindi non ci sono stati scambi di alcun tipo tra i piani alti e il personale.

Mike Johnson ha detto: “Ai dipendenti è stato ribadito che non ci saranno modifiche alla gestione o alle loro responsabilità in questo momento. Così, Paul Levesque [Triple H], Stephanie McMahon, Nick Khan, Frank Riddick III (che era in chiamata), ecc. rimarranno sul posto nelle loro posizioni e nei loro ruoli attuali. È stato anche spinto il fatto che la mossa è stata una cosa positiva per quanto riguarda il futuro delle vendite e tutto quello che concerne quel campo (ovvero nuove offerte per Raw, SmackDown, ecc) e per valutare il mercato per la potenziale vendita della società con l'idea che con McMahon indietro, l'intera azienda sarebbe sulla stessa pagina per massimizzare il potenziale della WWE che porta al futuro.”

Si è detto anche che è stato "molto sottolineato" che tutto si basa sul fatto che dipende poi se Vince McMahon deciderà o meno di vendere, non è detto che possa accadere e che addirittura la compagnia potrebbe tornare ad essere privata se questa fosse “la cosa migliore alla fine per gli azionisti.”

Vince Mcmahon
SHARE