Kurt Angle: "La carriera di Randy Orton è a rischio"



by   |  LETTURE 1070

Kurt Angle: "La carriera di Randy Orton è a rischio"

Randy Orton non mette piede sul ring dall’episodio di SmackDown del 20 maggio scorso, quando lui e Matt Riddle hanno perso contro gli Usos al termine di una battaglia elettrizzante. Da quel momento, la Vipera è sparita dai radar a causa di un infortunio alla schiena.

Secondo un ultimo aggiornamento fornito dai colleghi di ‘PwInsider’: “La star della WWE Randy Orton, che non si esibisce da svariati mesi, è stato avvisato ieri a Birmingham, Alabama. Orton è rimasto ai box a causa di quello che si ritiene essere un problema alla schiena.

Nel frattempo, sua moglie Kim ha postato su Instagram una foto in cui si vede lei che sorride accanto a Randy, che è sdraiato su un letto di ospedale”. A Birmingham ci sono diversi specialisti per chi ha problemi alla schiena e il 14 volte campione del mondo potrebbe essersi recato lì per sottoporsi ad una terapia.

Kurt Angle cita Randy Orton

Nell’ultima edizione del suo podcast, Kurt Angle ha rivelato quanto possano essere terribili gli infortuni alla schiena: “Tante persone non se ne rendono conto, ma è la schiena che controlla tutto.

Non riesci a fare niente se la tua schiena è bloccata. Vi posso citare Randy Orton come esempio. La Vipera si è dovuta fermare a causa del dolore alla schiena e non si sa quando tornerà sul ring. Non poteva letteralmente fare nulla e si spera che quest’intervento chirurgico riesca a salvare la sua carriera.

I problemi alla schiena influiscono tantissimo sulla carriera di un wrestler, sono i peggiori in assoluto”. L’ex medaglia d’oro olimpica ha poi aggiunto: “Io mi sono rotto il collo cinque volte e ne ho risentito parecchio, soprattutto a livello di forza nelle braccia.

Spesso mi si intorpidivano, perdevo forza e non riuscivo a fare nemmeno le cose più semplici. Ma è la schiena che controlla tutto. Se non ti supporta, la tua carriera è finita”. L’auspicio dei fan è che Orton riesca a superare questo infortunio e a tornare l’anno prossimo, magari alla Royal Rumble.