Konnan difende Austin Theory: "È finito in mezzo ad un gioco di potere"

Sono cambiate molte cose in WWE da quando Vince McMahon ha annunciato il suo clamoroso addio

by Simone Brugnoli
SHARE
Konnan difende Austin Theory: "È finito in mezzo ad un gioco di potere"

Sono cambiate molte cose in WWE da quando Vince McMahon ha annunciato il suo clamoroso addio lo scorso luglio. Il suo posto è stato preso da Stephanie McMahon e da Nick Khan, mentre Triple H è diventato il nuovo capo del team creativo.

Il 14 volte campione del mondo ha dimostrato di avere una filosofia molto diversa da quella del suo illustre predecessore, non esitando ad apportare una serie di cambiamenti radicali al prodotto. Oltre ad aver trasferito alcuni talenti di NXT nel main roster, The Game ha riportato in azienda diverse star che erano state rilasciate durante la pandemia.

HHH ha convinto persino Bray Wyatt, Johnny Gargano e Braun Strowman a firmare un nuovo contratto con la WWE e i fan sono andati in visibilio. Secondo i ben informati, Hunter starebbe pensando di ampliare ulteriormente il roster e avrebbe tante idee per l’anno prossimo.

Come sempre avviene in questi casi, i cambiamenti non hanno giovato a tutti. Il riferimento è ovviamente ad Austin Theory, che è stato palesemente declassato con l’avvento del ‘Cerebral Assassin’.

La strana parabola di Theory

Theory aveva ricevuto un grandissimo push tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, essendo diventato il pupillo di Vince McMahon. Ad aprile, Austin aveva sconfitto Finn Balor diventando il più giovane campione degli Stati Uniti nella storia della WWE.

Theory aveva perso la cintura contro Bobby Lashley a Money in the Bank, ma si era subito riscattato impossessandosi della valigetta. Da quel momento, è iniziato ad andare tutto male per lui. Austin non è infatti riuscito a sfruttare la valigetta e a strappare il titolo degli Stati Uniti dalle mani di Seth Rollins, complice la decisiva interferenza di Bobby Lashley.

Nell’ultima edizione del podcast ‘Keepin’ It 100’, la leggenda della WCW Konnan ha analizzato la strana parabola di Theory: “Fino a qualche mese fa, sembrava che Theory avesse tutte le carte in regola per diventare un volto di punta della compagnia.

Da quando è arrivato Triple H, il suo status è radicalmente cambiato. Sembra quasi che Austin sia finito in mezzo ad un gioco di potere fra Vince e Hunter, il che sarebbe davvero stupido”.

Konnan Austin Theory Vince Mcmahon
SHARE