La strana parabola di Austin Theory: cosa ha in mente Triple H?

L’avvento di Triple H come nuovo capo del team creativo ha prodotto numerosi cambiamenti in WWE

by Simone Brugnoli
SHARE
La strana parabola di Austin Theory: cosa ha in mente Triple H?

L’avvento di Triple H come nuovo capo del team creativo ha prodotto numerosi cambiamenti in WWE. Il 14 volte campione del mondo ha acquisito molto potere in seguito al clamoroso addio di Vince McMahon, che ha deciso di farsi da parte lo scorso luglio.

Il suo posto è stato preso da Stephanie McMahon e da Nick Khan, che non hanno esitato a prendere in mano la situazione. The Game ha dato subito il suo tocco creativo agli show, rinvigorendo un ambiente stantio e riportando in azienda diverse star che erano state rilasciate durante la pandemia.

I ritorni di Johnny Gargano, Bray Wyatt e Braun Strowman hanno fatto impazzire il WWE Universe, senza dimenticare il graditissimo ritorno di JBL a Raw. Tuttavia, questa svolta non ha sortito effetti positivi per tutti. Il riferimento è ad Austin Theory, che aveva ricevuto un grandissimo push l’anno scorso ed era diventato il pupillo di Vince McMahon.

Con l’addio di quest’ultimo, il suo ruolo all’interno della compagnia è profondamente mutato.

Quali sono i piani per Theory?

Triple H sta cercando di ricostruire il personaggio di Theory, rimuovendo l’influenza di Vince McMahon per consentire al ragazzo di esprimere a pieno il suo talento.

Secondo Dave Meltzer, noto corrispondente del ‘Wrestling Observer’, ci vorrà tempo per rivedere Austin ai massimi livelli: “Triple H sta ricostruendo il suo personaggio dal basso e gli sta facendo subire parecchie sconfitte, ma vi garantisco che vuole renderlo un performer eccezionale.

Theory ha perso contro Seth Rollins la scorsa settimana, ma sembra che la loro faida sia destinata a durare a lungo. Si affronteranno sicuramente nel prossimo pay-per-view”. Di recente, Jim Cornette ha analizzato il modo in cui la WWE sta gestendo Theory: “Che cosa ha fatto di male questo ragazzo? Sembrava chiaro che fosse il prescelto.

Si era impossessato della valigetta ed era il pupillo di Vince McMahon. Da quando Vince se n’è andato, è diventato un lacchè. È un vero peccato, perché ha tutte le carte in regola per sfondare. Mi pare che la WWE abbia avviato un processo di demolizione nei suoi confronti”.

Austin Theory Triple H
SHARE