Problemi di visto lasciano assenti diversi atleti WWE

Dopo aver visto assentarsi diversi nomi della compagnia, emergono anche alcuni retroscena sulle assenze

by Roberto Trenta
SHARE
Problemi di visto lasciano assenti diversi atleti WWE

Grazie all'aiuto del sempre presente sito americano Ringside News, fonte inesauribile di informazione a base wrestling degli USA, siamo venuti a sapere solo qualche ora fa tutti i nomi degli atleti che abbiamo visto scomparire nel nulla nelle ultime settimane e che sono fermi in infermeria e non assenti per altri motivi, magari legati alla kayfabe.
Vediamo quali sono questi nomi:

- Aliyah
- Becky Lynch
- Big E
- Cody Rhodes
- Kevin Owens
- Logan Paul
- Natalya
- Randy Orton
- Rey Mysterio
- Rick Boogs
- Robert Roode
- R-Truth
- Tiffany Stratton
- Tommaso Ciampa
.

Nelle ultime ore, anche il nome di Candice LeRae è stato vociferato come una delle tante atlete ferme per infortunio, ma al momento non abbiamo ancora avuto conferme su questo, sebbene il suo apporto ai War Games di Suvrivor Series sarebbe dovuto arrivare nelle ultime puntate di Raw e invece non è ancora mai arrivato.

Diversi atleti di NXT fermi per i problemi con il visto

Oltre a questa lunga lista di atleti del main roster che non torneranno a brevissimo per i loro infortuni, ci sono diversi altri atleti di NXT, che invece starebbero fermi ai box per problemi burocratici e nulla quindi a livello fisico.

Secondo quanto riportato nelle ultime ore dal noto Wrestling Observer, infatti, alcuni atleti sarebbero rimasti a casa e dati come "infortunati", quando in realtà il loro problema sarebbe di tipo burocratico. Come riportato da Dave Meltzer, infatti:

"Alcuni di loro sono anche infortunati, il che molto spesso viene invece codificato come parola per dire che hanno dei problemi con il visto VISA in alcuni casi.

Alcuni sono anche riportati come 'sospesi', che è un altra parola in codice per dire che hanno dei problemi con il visto". Come abbiamo visto nelle ultime puntate di NXT, qualcuno è stato sospeso dalla dirigenza dopo aver aggredito gli arbitri della federazione, con tale attacco che gli è appunto valso la sospensione, quando in realtà tali atleti stanno solo risolvendo le proprie pratiche legali per entrare in maniera corretta negli USA, non essendo americani.

SHARE