Ric Fair ha sempre avuto una chimica speciale con The Undertaker

The Undertaker è forse la superstar più iconica nella storia del wrestling

by Simone Brugnoli
SHARE
Ric Fair ha sempre avuto una chimica speciale con The Undertaker

The Undertaker è forse la superstar più iconica nella storia del wrestling. Oltre ad aver collezionato ogni riconoscimento possibile e immaginabile, il Deadman ha preso parte a numerose faide memorabili. A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il suo ultimo match resterà quello contro AJ Styles a WrestleMania 36.

All’interno della docu-serie ‘The Last Ride’, il Becchino aveva infatti ammesso di non riuscire più a sostenere i ritmi richiesti dal wrestling professionistico e di non voler rovinare la sua immagine.

Il suo ritiro ufficiale ha avuto luogo alle Survivor Series 2020, laddove 30 anni prima era iniziata la sua leggendaria carriera. Quest’anno, il ‘Phenom’ è stato inserito nella WWE Hall of Fame da Vince McMahon in persona.

Nell’ultima edizione del podcast ‘To Be The Man’, Ric Flair ha rivelato di aver sempre avuto una splendida chimica con Taker.

Ric Flair omaggia il Becchino

“Ho sempre avuto una chimica speciale con The Undertaker.

Oltre ad essere uno dei più grandi di sempre, il Becchino ha avuto la capacità di trascendere il wrestling” – ha affermato Ric Flair. “Taker era in grado di fare cose incredibili per la sua stazza, come camminare sulle corde e tanta altra roba.

Nessun’altra superstar nella storia del wrestling è riuscita ad entusiasmare i fan come il Deadman. Il suo personaggio era tremendamente affascinante” – ha aggiunto il 16 volte campione del mondo. Ospite del podcast ‘Hollywood Raw’, Drew McIntyre ha ripercorso l’ultima fase della carriera di Taker: “Faticava persino a camminare quando rientrava negli spogliatoi.

Nonostante avesse diversi problemi fisici, non si risparmiava mai quando saliva sul ring. L’adrenalina e il desiderio di non deludere i fan lo portavano ad andare oltre i suoi limiti. Volava sul ring come un luchador messicano.

Quando tornava nel backstage e l’adrenalina scendeva, ti accorgevi delle sue difficoltà. Il Becchino ha amato questo business più di chiunque altro e ha dato tutto fino all’ultimo match. Non si può fare a meno di ringraziarlo”.

Sono in molti a sperare di rivedere il ‘Phenom’ sul ring, soprattutto dopo il clamoroso ritorno di Ric Flair.

The Undertaker
SHARE