Booker T: "Non sono omofobo, sono disposto ad elevare la stella di Quincy Elliott"

Booker T ha parlato di Quincy Elliott e delle accuse dei fan nei suoi confronti

by Andrea Scozzafava
SHARE
Booker T: "Non sono omofobo, sono disposto ad elevare la stella di Quincy Elliott"

La 'Super Diva' di NXT, Quincy Elliott sta facendo molto discutere per via del suo personaggio a dir poco stravagante. Proprio la sua personalità avrebbe diviso il pubblico con tanta gente che non vede l'ora di vederlo ma c'è anche chi invece non lo vuole proprio più negli show WWE. Elliott si è fatto vedere qualche mese fa a NXT dopo essere apparso con continuità in diverse puntate di Level Up. Sull'atleta si è voluto pronunciare l'Hall Of Famer WWE e commentatore di NXT, Booker T che parlato di come non sia del tutto convinto di ciò che Quincy ha da offrire all'interno della compagnia. Queste parole avrebbero scatenato una serie di polemiche, secondo cui alcuni fan lo avrebbero definito un uomo omofobo.

Booker T risponde alle accuse dei fan per le parole su Quincy Elliott

Parlando nell'ultimo episodio del suo podcast Hall of Fame, Booker T ha insistito sul fatto che non è omofobo e che le sue parole nei confronti di Quincy Elliott non hanno nulla a che fare con il suo orientamento: “Allora voglio mettere le cose in chiaro, non sono omofobo e non ho niente contro gli uomini che vogliono amare altri uomini. Non mi interessa e non sono affari miei. Ma Quincy dovrebbe darmi un motivo per essere attratto dalle sue abilità e al momento non sento nulla di questo tipo. Goldust all'inizio non mi piaceva, ma poi si è dimostrato essere uno dei più grandi della storia di questo business. Non credo di poter essere omofobo lavorando con uno come Goldust".

Booker T ha svelato che sarebbe disposto a lavorare a NXT con Elliott nel caso una trama lo richiedesse, in modo da dare così maggiore visibilità alla giovane star. Non solo, la leggenda WWE ha chiarito, tuttavia, come il suo obiettivo è solo il bene di questo business: “Sia chiaro che non lo farei per il bene di far sentire meglio la comunità LGBT. Non lavorerei mai con Quincy Elliott per questi motivi. Lo faccio perché NXT è uno spettacolo ed è quello che facciamo, rendere gli spettacoli migliori. Quindi, quelle cose, quando sono là fuori a fare commenti, non faccio altro che il mio lavoro ed è quello di intrattenere gli spettatori".

Booker T
SHARE