La reunion della D-Generation X sarà priva di Billy Gunn?

Il 10 ottobre ci sarà la reunion della D-Generation X

by Simone Brugnoli
SHARE
La reunion della D-Generation X sarà priva di Billy Gunn?

Durante la puntata di Monday Night Raw del 10 ottobre, assisteremo alla reunion della D-Generation X. La famigerata stable celebrerà infatti il 25° anniversario della sua nascita e saliranno sul ring leggende del calibro di Triple H, Shawn Michaels, Road Dogg e Sean Waltman.

Secondo le ultime indiscrezioni, Billy Gunn non dovrebbe essere presente alla suddetta reunion. Gunn è stato un membro importante della D-Generation X durante la ‘Attitude Era’ e il suo ruolo era divenuto ancora più importante dopo che HBK si era preso un anno sabbatico.

Billy ha detenuto i titoli tag team con Road Dogg durante quel periodo e ha fatto innamorare milioni di persone in tutto il mondo.

Billy Gunn lavora in AEW

Secondo quanto riportato da Dave Meltzer, noto corrispondente del ‘Wrestling Observer’, il fatto che Billy Gunn sia attualmente sotto contratto con la AEW rende difficile una sua apparizione a Raw il 10 ottobre.

“Ci saranno sicuramente HHH, Shawn Michaels, Road Dogg e Sean Waltman, mentre la presenza di Billy Gunn è assai improbabile. Le chance erano aumentate qualche mese fa, dato che Tony Khan gli aveva permesso di prendere parte allo show di John Cena, ma la situazione è cambiata e quella pista si è raffreddata” – ha spiegato Meltzer.

The Game dovrebbe ricevere una massiccia ovazione da parte del WWE Universe, visto che sarà la sua prima apparizione da quando è diventato il capo del team creativo. Intervistato da ‘Sporting News’ qualche giorno fa, The Game ha rivelato un’importante lezione che ha imparato da Vince McMahon: “Devo la mia fortuna a molte persone, ma non sarei mai arrivato qui se non fosse stato per Vince.

Niente di tutto ciò sarebbe successo senza il suo aiuto. La WWE è diventata un’azienda famosa in tutto il mondo grazie al suo impegno, alla sua dedizione e alla sua mente geniale. Le cose mutano e lui mi ha insegnato una lezione importante al riguardo.

Quando si verifica un cambiamento, non devi essere né il primo né l’ultimo a sperimentarlo. Lascia che siano altre persone a tastare il terreno per prime”.

SHARE