Ex campione WWE: "The Undertaker faticava persino a camminare"

The Undertaker ha avuto un impatto su questo business che si fatica a descrivere a parole

by Simone Brugnoli
SHARE
Ex campione WWE: "The Undertaker faticava persino a camminare"

The Undertaker ha avuto un impatto su questo business che si fatica a descrivere a parole. Oltre ad aver avuto una carriera incredibilmente lunga, durata quasi 30 anni, il Becchino è riuscito a far breccia nel cuore delle persone grazie alla sua iconica gimmick.

Il ‘Deadman’ è un sette volte campione del mondo, avendo detenuto quattro volte il WWE Championship e tre volte il titolo dei pesi massimi. Come se non bastasse, è stato il vincitore dell’edizione 2007 del Royal Rumble match, diventando così il primo wrestler nella storia a vincere la rissa reale come ultimo partecipante.

Il ‘Phenom’ si è ritirato ufficialmente alle Survivor Series 2020, laddove 30 anni prima era iniziata la sua leggendaria carriera. Poco prima di WrestleMania 38, è stato inserito con pieno merito nella WWE Hall of Fame da Vince McMahon in persona.

Ospite del podcast ‘Hollywood Raw’, Drew McIntyre ha rivelato gli enormi sforzi che ha dovuto fare Taker per potersi esibire negli ultimi anni della sua carriera.

Taker ha dato tutto fino all'ultimo

“Nell’ultima fase della sua carriera, The Undertaker faceva fatica persino a camminare quando rientrava negli spogliatoi” – ha raccontato McIntyre.

“Nonostante avesse diversi problemi fisici, non si risparmiava mai quando saliva sul ring. L’adrenalina e la voglia di non deludere i fan lo portavano ad andare oltre i suoi limiti. Volava sul ring come un luchador messicano.

Quando rientrava nel backstage e l’adrenalina scendeva, ti accorgevi delle sue difficoltà. Il Becchino ha amato questo business più di chiunque altro e ha dato tutto fino all’ultimo match. Non si può non ammirarlo” – ha aggiunto Drew.

In una recente intervista a ESPN, il Deadman si è espresso sul futuro della WWE: “Mi sembra che l’azienda stia allentando le catene per quanto riguarda ciò che gli atleti possono dire e fare. Credo che vedremo un prodotto più ‘aggressivo’ nei prossimi mesi.

C’è bisogno di grinta e cattiveria in questa fase storica. Assisteremo a diversi cambiamenti sul piano della creatività. Triple H è un uomo davvero brillante e ha già mostrato il suo tocco creativo."

The Undertaker
SHARE