Pericolo uragano Ian: la WWE chiude il suo Performance Center



by   |  LETTURE 711

Pericolo uragano Ian: la WWE chiude il suo Performance Center

Negli ultimi giorni in America Latina ed in America centrale non si fa altro che parlare dell'uragano che sta facendo decine di milioni di danni, con Cuba che è stato il primo paese ad essere travolto dalla potenza del vento e che sta già contando i primi danni provocati da Ian, con tutto il mondo che rimane a guardare impotente.

Ovviamente, l'uragano non ferma la sua devastante potenza se non dopo qualche giorno, con gli Stati Uniti che sono il prossimo obbiettivo della furia devastante dell'uragano. Nelle ultime ore, anche la WWE è dovuta correre ai ripari, visto che il suo quartier generale per quanto riguarda gli allenamenti e le giovani leve è in Florida, più precisamente ad Orlando.

Il famoso Performance Center della compagnia dei McMahon è un centro di eccellenza per quanto riguarda il pro-wrestling di tutto il mondo, con il colosso costruito dalla WWE ad Orlando che serve a tutte le giovani leve, ma anche alle Superstar più navigate, per allenarsi sia sui ring costruiti dalla federazione, sia per quanto riguarda i promo al microfono.

La WWE costretta a chiudere il Performance Center

Visto che l'uragano Ian si sta spostando proprio sulla costa ovest della Florida, dove si trova il PC della WWE, il noto sito PW Insider ha riportato solo qualche ora fa la notizia che la WWE ha dovuto chiudere il suo centro ad Orlando, visto che la categoria dell'uragano è passata in pochissimo tempo a forza 4.

In molti tra gli atleti della WWE sono accorsi anche su Twitter, come ad esempio Natalya, pregando che l'uragano non facccia troppi danni, come accaduo negli anni passati con gli altri uragani. Al momento, ci sono già circa 800000 persone, secondo il sito poweroutage.us.

a cui mancherà l'energia elettrica, nelle città e contee di: Collier, Charlotte, Lee, Sarasota, Manatee, Miami-Dade, Broward, Palm Beach, Hillsborough e Pinellas. Nelle prossime ore è comunque previsto che Ian assuma una nuova connotazione, diventando ancora più pericoloso, con l'uragano che dovrebbe passare a forza 5.