Omos: "Triple H piace perché è uno di noi"

Sono trascorsi circa due mesi dal clamoroso ritiro di Vince McMahon

by Simone Brugnoli
SHARE
Omos: "Triple H piace perché è uno di noi"

Sono trascorsi circa due mesi dal clamoroso ritiro di Vince McMahon. Una notizia che ha scioccato il mondo del wrestling, dando inizio ad una nuova era. Ad incidere sulla sua decisione non è stata solo l’età, ma anche le pesanti accuse abbattutesi su di lui negli ultimi tempi.

Vince ha infatti ‘sborsato’ diversi milioni di dollari per tacitare alcune donne con cui aveva avuto relazioni extraconiugali. Anche il suo braccio destro John Laurinaitis – ex responsabile delle relazioni con i talenti – è stato allontanato dalla federazione di Stamford.

Il posto di Vince è stato preso da sua figlia Stephanie e da Nick Khan, mentre Triple H è diventato il nuovo capo del team creativo. Il 14 volte campione del mondo non ha perso tempo e ha dato subito il suo tocco creativo agli show.

Grazie all’intercessione di The Game, diverse star che erano state rilasciate hanno fatto il loro ritorno in azienda. In una lunga intervista rilasciata a ‘Say Less’, l’ex Raw Tag Team Champion Omos ha parlato del nuovo corso avviato da Hunter.

Omos parla di Triple H

“Devo ammettere che è piuttosto strano non vedere più Vince McMahon tutti i giorni. Eravamo abituati ad incontrarlo con grande frequenza, mentre ora c’è Triple H” – ha raccontato Omos.

Il gigante nigeriano si è soffermato proprio su HHH: “Hunter è uno di noi. Conosce perfettamente questo business ed è stato un wrestler eccezionale. Piace a tutti perché ha fatto esperienze simili alle nostre, sa cosa proviamo.

Ci fidiamo di lui. Lavora a stretto contatto con i talenti, è aperto al dialogo, ha un approccio molto rilassato e non trascura nessuno”. Di recente, l’ex writer della WWE e della WCW Vince Russo ha criticato Omos: “Non vorrei sembrare crudele, ma ritengo che Omos non abbia le carte in regola per diventare un pilastro della WWE.

Non arriverà mai al vertice della compagnia. Questo non è necessariamente un male, ognuno ha il proprio ruolo. Omos è un gigante che spaventa la gente, ma non basta per diventare un’icona”.

Triple H Vince Mcmahon
SHARE