"Mi ricorda Kurt Angle": Eric Bischoff esalta Dolph Ziggler

Dolph Ziggler ha dovuto lavorare il doppio degli altri per ritagliarsi uno spazio importante in WWE

by Simone Brugnoli
SHARE
"Mi ricorda Kurt Angle": Eric Bischoff esalta Dolph Ziggler

Dolph Ziggler ha dovuto lavorare il doppio degli altri per ritagliarsi uno spazio importante in WWE. Spesso sottovalutato e trascurato dagli addetti ai lavori, il wrestler di Cleveland non ha ricevuto il credito che avrebbe meritato.

Durante la sua lunga avventura a Stamford, Dolph ha detenuto due volte il titolo dei pesi massimi, una volta l’NXT Championship, sei volte l’Intercontinental Championship, due volte lo United States Championship e svariati titoli di coppia.

Si è inoltre aggiudicato l’edizione 2012 del Money in the Bank. Nell’episodio di Raw dell’11 luglio, Ziggler è intervenuto a favore di Bobby Lashley e Riddle contro Seth Rollins e Theory, sancendo il suo turn face dopo ben cinque anni.

Nell’ultima edizione del podcast ’83 Weeks’, un fan ha chiesto ad Eric Bischoff quali superstar attuali sceglierebbe per dare lustro ad un’ipotetica nuova compagnia. Il primo nome che gli è venuto in mente è stato quello di Dolph Ziggler, che ha paragonato al mitico Kurt Angle.

Bischoff stravede per Dolph Ziggler

“Penso che Dolph Ziggler sia uno dei talenti più sottovalutati dell’era moderna. Sa fare tutto in questo business e si adatta a qualsiasi situazione. È un wrestler molto versatile, che ha un background amatoriale di tutto rispetto.

La sua credibilità sul ring è fuori discussione” – ha affermato Bischoff. “Dolph mi ricorda un po’ Kurt Angle. So che non appartengono esattamente alla stessa categoria, ma il loro approccio al wrestling è molto simile.

Ziggler può lavorare con chiunque e non si tira mai indietro” – ha aggiunto. Eric ha poi criticato la All Elite Wrestling: “Visto che Tony Khan è una persona intelligente, dovrebbe rendersi conto che non può continuare in questo modo.

Il suo booking è quello di un 14enne che ha un sacco di giocattoli e non sa come usarli. Il pubblico della AEW vorrebbe vedere qualche storia e non soltanto un dream match dietro l’altro. Se l’obiettivo di Tony è quello di competere con la WWE, deve effettuare una serie di cambiamenti in termini di narrazione. Il suo prodotto si rivolge soltanto ad una piccola porzione di fan”.

Kurt Angle Eric Bischoff Dolph Ziggler
SHARE