Lo sfogo di Tony Khan: il presidente AEW si scaglia contro la WWE dopo All Out



by   |  LETTURE 4747

Lo sfogo di Tony Khan: il presidente AEW si scaglia contro la WWE dopo All Out

Durante la conferenza stampa con i media che si è tenuta dopo AEW All Out, Tony Khan ha causato scalpore quando ha imprecato praticamente contro la WWE facendo intendere che non ha molto gradito la mossa della compagnia rivale di mettere Clash At The Castle e NXT Worlds Collide nel weekend di All Out.

"C'è una grande differenza tra quest'anno e l'anno scorso. Siamo stati il primo show di professional wrestling e l'unico show di professional wrestling nel weekend del Labor Day l'anno scorso, e siamo stati il terzo show di professional wrestling del weekend di quest'anno. Non credo sia una coincidenza. Quando parlo di cose di cui non ero entusiasta, sono rimasto un po' sorpreso che siamo stati il terzo show di professional wrestling di questo fine settimana, ed è probabilmente un po' più impegnativo sul mercato quando diventa un po' più affollato."

Poi ha proseguito aggiungendo: “Negli anni precedenti non abbiamo mai avuto questo tipo di competizione. Questa è stata una specie di prima volta per noi in AEW, è stata la prima volta che abbiamo visto il mercato così affollato. Non sono sicuro se questo è quello che vedremo d'ora in poi. Sono molto felice con i numeri che abbiamo fatto, data la competizione che abbiamo avuto. Il numero è il numero e devo affrontare la concorrenza che è là fuori.

Quando mi sono confrontato con Jim Crockett Promotions questo fine settimana, penso di aver avuto un assaggio della stessa medicina che Jim Crockett Promotions ha preso, ma ho molti più fottuti soldi della Jim Crockett. Dico sul serio. Non ho intenzione di stare seduto e subire questa me*da!”

A muso duro verso la WWE

Dopo tutto questo, si è sfogato per bene ancora un po': "Ho avuto una serie di interazioni con [WWE]. Ho detto un sacco di cose carine, e non mi pento di aver detto cose carine perché sono super onesto sul professional wrestling. E quando vedo cose buone lì sono il primo a dirlo. Non sento lo stesso amore [da parte loro ndr.]. Non voglio entrarci. È solo che non ho sentito la stessa reazione da loro.

Se deve andare così, quando cercheranno il confronto, continuerò a portare il confronto per conto mio, e ho modi unici per farlo. Ho un sacco di soldi con cui combattere. E questo non è un gioco per me. Questa è la mia vita, e non penso che sia uno scherzo, e lo prendo molto seriamente."