Triple H: “Ho in programma di far tornare Bad Bunny in WWE”



by   |  LETTURE 1302

Triple H: “Ho in programma di far tornare Bad Bunny in WWE”

Bad Bunny è probabilmente la star al di fuori del mondo del professional wrestling che più è stata apprezzata dal WWE Universe in una sua prestazione sul ring durante un evento importante. Infatti il cantante si è esibito in un ottimo match, per una persona che non è un lottatore di mestiere, a WrestleMania 37 al fianco di Damian Priest.

Durante la conferenza stampa che si è tenuta post Clash At The Castle ieri, Triple H ha rilasciato una dichiarazione davvero molto interessante su Bad Bunny: "Un piccolo spoiler, io e lui avremo una conversazione molto presto. È già in programma, andremo a vedere cosa c'è disponibile. La più grande star della musica al mondo. Facciamolo.”

Il rispetto si guadagna

Poi ha proseguito dicendo: "Facciamo cose con persone come Bad Bunny o Pat McAfee o Logan Paul. Il livello di eccitazione che porta i fan al di fuori di quello che facciamo, ma mi piace lavorare con persone così quando hanno la stessa passione che hanno le nostre superstar. 

Una cosa su Bad Bunny, quando stavamo per lavorare con Bad Bunny e lui stava per affrontare The Miz e stavano facendo tutte le loro cose per questo, in quel periodo di tempo, ero al Performance Center quasi settimanalmente. Ogni volta che andavo lì, entravo e mi dicevano: 'Bunny è nell'altra stanza ad allenarsi se vuoi salutarlo.’ Lui era lì dentro e io andavo lì e lui versava sudore, era distrutto, stava macinando. Quando gli abbiamo parlato di quell'evento, è andato a prendere una casa a Orlando, ha vissuto lì, è venuto al Performance Center ogni giorno. Lui merita ogni minima briciola di rispetto come tutti gli altri. Questo è quello che gli ho detto la prima volta: 'Ti sei guadagnato il mio rispetto e non lo dono facilmente.”

Lo stesso rispetto che gli ha donato Triple H, è arrivato anche da altre diverse personalità che di professional wrestling ne sanno qualcosa, come ad esempio Randy Orton e The Undertaker.