Perché Solo Sikoa era a Clash at the Castle insieme a Roman Reigns?



by   |  LETTURE 11564

Perché Solo Sikoa era a Clash at the Castle insieme a Roman Reigns?

Durante la prima serata italiana di ieri, la WWE ha trasmesso sul suo Network e su Peacock Tv in America, il suo ultimo ppv, denominato Clash at the Castle. Dopo precisamente 30 anni, la WWE è tornata a mandare in onda dal suolo UK un ppv a pagamento per i suoi fan, con l'orario di messa in onda che è stato infatti differente rispetto ai soliti ppv della compagnia, avendo l'Europa un fuso orario completamente diverso rispetto agli USA.

Il match più atteso di questo ppv, era ovviamente quello valido per i due titoli mondiali ancora ai fianchi del Tribal Chief, Roman Reigns, con l'Head of the Table di Smackdown che ha da poco raggiunto i due anni da campione Universale e sorpassato abbondantemente i 100 giorni anche come campione WWE, dopo la vittoria di Wrestlemania contro Brock Lesnar.
In questo ppv, Reigns era previsto in una battaglia senza esclusione di colpi contro l'idolo di casa, Drew McIntyre, il quale è arrivato vicino alla vittoria in maniera sostanziale, ma con un attacco arrivato per mano di un'ennesimo membro della famiglia Anoa'i, che non ha permesso allo scozzese di vincere, nonostante avesse appena messo a segno la sua Claymore.

Solo Sikoa aiuta Roman Reigns al posto degli Usos

Durante il finale del main event di Clash at the Castle, una sorpresa ha lasciato esterrefatti i fan della compagnia dei McMahon, con il fratello minore degli Usos, l'atleta di NXT Solo Sikoa, che si è presentato a bordo ring ed ha attaccato l'arbitro della serata, mettendo fine al pin che poteva essere decisivo dopo l'attacco vincente di Mcintyre con la sua finisher.
Alla fine, a riportare a casa con sè le cinture è stato ancora una volta Roman Reigns, il quale è riuscito con una sua Spear ben assestata a mettere a segno il conteggio di tre.

Ma per quale motivo Solo Sikoa ha aiutato il cugino maggiore? A quanto pare, come rivelato da diverse fonti vicine alla WWE, proprio come per gli show avvenuti in Canada, gli Usos non hanno potuto partecipare all'evento della compagnia al di fuori degli USA, con Jimmy Uso che è ancora accusato di guida sotto gli effetti di sostanze psicotrope, con la famosa DUI, che quindi non gli permette di raggiugere terzi paesi nemmeno per lavoro.

Essendosi quindi trovata costretta ad inventarsi qualcosa per far vincere il suo Tribal Chief, la WWE ha dovuto mandare in campo il lottatore di NXT, che a questo punto è molto probabile si unisca alla Bloodline.