Cinture false addio: Amazon si allea con la WWE per combattere le contraffazioni



by MARCO ENZO VENTURINI

Cinture false addio: Amazon si allea con la WWE per combattere le contraffazioni

L’Unità di Amazon per i crimini di contraffazione (la Counterfeit Crimes Unit, CCU) e World Wrestling Entertainment, Inc. (WWE) hanno annunciato questa settimana cause legali congiunte contro 13 imputati che hanno tentato di commercializzare e vendere repliche delle cinture del titolo WWE nello store di Amazon, compresi i modelli commemorativi delle cinture del titolo del campionato WWE World Heavyweight, Universal, Intercontinental, United States e NXT Championship.

"I prodotti ufficiali e autorizzati della WWE, con i nostri marchi registrati, godono della fiducia dei nostri fan in tutto il mondo e noi ci impegniamo al massimo per proteggere i clienti da contraffazioni e altri tipi di violazione. Ci auguriamo che altre aziende guardino all’Unità di Amazon per i crimini di contraffazione come a un modello di collaborazione con aziende di qualsiasi dimensione per contribuire a combattere questa minaccia implacabile", ha dichiarato Matthew Winterroth, Vice Presidente della Proprietà Intellettuale della WWE.

False cinture WWE vendute come autentiche: che cosa è successo

La WWE ha combinato il suo programma proattivo di monitoraggio e protezione della proprietà intellettuale con gli strumenti di protezione Brand Registry e Project Zero di Amazon per identificare i prodotti oggetto di violazione che Amazon ha rimosso. In seguito, la WWE ha collaborato con la Counterfeit Crimes Unit di Amazon per perseguire queste cause contro i malintenzionati che hanno tentato di vendere prodotti contraffatti avvalendosi di sedi inesistenti e false identità.

Si è scoperto che uno degli imputati gestiva la sua attività fraudolenta dal New Jersey. Oltre alle cause civili, Amazon e la WWE hanno collaborato con l'ufficio del procuratore della contea di Middlesex, nel New Jersey, il che ha portato ad accuse di contraffazione per la vendita di cinture non autentiche del titolo del campionato WWE contro due persone tra loro collegate.

L'Unità di Amazon per i crimini di contraffazione - un team di ex procuratori federali, ex agenti delle forze dell'ordine, investigatori esperti e analisti di dati - è stata costituita per collaborare con i titolari di marchi e le forze dell'ordine al fine di perseguire i contraffattori.

"Amazon si impegna a garantire l'autenticità dei prodotti presenti nel nostro negozio e a proteggere i nostri clienti da tutte le forme di contraffazione, comprese quelle che colpiscono i fan dell'iconico marchio di intrattenimento WWE", ha dichiarato Kebharu Smith, direttore dell'Unità Crimini di Contraffazione di Amazon. "Continueremo a collaborare con la WWE e con le forze dell'ordine della contea di Middlesex per consegnare questi malintenzionati alla giustizia."

I numeri dei casi depositati presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale di Washington sono:

  • 2-22-cv-01205
  • 2-22-cv-01209
  • 2-22-cv-01211
  • 2-22-cv-01214
  • 2-22-cv-01216
  • 2-22-cv-01207
  • 2-22-cv-01212