Ex campione di NXT: "Ecco perché la WWE fece durare pochissimo il mio regno"

Dopo il rilascio dalla compagnia di Stamford, il mastodontico lottatore dei McMahon rivela i motivi dietro il suo breve regno

by Roberto Trenta
SHARE
Ex campione di NXT: "Ecco perché la WWE fece durare pochissimo il mio regno"

In una delle ultime ondate di rilasci effettuata dalla WWE solo quache mese fa, ci è rientrato purtroppo anche l'ex campione Nord-Americano di NXT, Bronson Reed, che da molti era considerato uno degli atleti più agili e portentosi nonostante la stazza, un po' come Keith Lee, con tali atleti capaci di fare dei voli veramente molto interessanti e coreografici, nonostante i molti chili in più addosso, che di solito un wrestler non ha.

Subito dopo il rilascio arrivato come un fulmine a ciel sereno, ovviamente Bronson sarebbe rimasto per un po' in silenzio, cercando di metabolizzare la brutta botta arrivata per mano dei dirigenti della compagnia, come accaduto anche per Karrion Kross, Velveteen Dream, Keith Lee e tutti i vari ex NXT, passati anche nel main roster, con l'atleta ormai ex WWE, che ha voluto dire la sua solo in una serie di video postati sul suo account Twitter personale.
A quanto pare, dopo settimane dal suo primo intervento online, Bronson Reed, divenuto adesso semplicemente JONAH sui ring delle indipendenti, avrebbe tirato fuori una nuova storia sul suo regno titolato da North American Champion, con il massiccio atleta che avrebbe rivelato il perché di una durata così breve.

Perché il regno di Bronson Reed è durato così poco?

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di NBC Sports' Steve Fall, JONAH ha voluto parlare del suo regno da campione secondario di NXT, dicendo:

"Originariamente quando vinsi l'NXT North American Championship, dovevo avere una lenta e silenziosa run da campione.

Questo era il piano originale, ma come sappiamo, le cose nel pro wrestling cambiano costantemente e portano con loro altri cambiamenti. Mi era stato detto 'Hey, ti sposteremo a Raw o Smackdown'Iniziai ad avere alcuni dark match e sembrava che la strada che dovessi percorrere era quella di sicuro.

Quindi alla fine è stata un'uscita sicura per loro. Mi portarono via il North American Championship pensando che era il luogo dove stessi andando, ma alla fine non ha funzionato più nulla. Ero stato mandato avanti proprio da Triple H in persona, dicendomi che ero pronto per Raw o Smackdown e quello mi era stato detto che mi sarebbe successo".

Nxt
SHARE