Libertà creativa sui promo in WWE: Becky Lynch racconta come stanno le cose



by   |  LETTURE 1627

Libertà creativa sui promo in WWE: Becky Lynch racconta come stanno le cose

Per anni la WWE ha dato ai propri wrestler un copione da seguire con tutti i promo scritti parola per parola, parte del lato intrattenimento del lavoro, ma sembra che di recente, sotto la guida di Triple H le cose siano cambiate, almeno secondo quanto riportato da PWInsider.

A parlarne è stata Becky Lynch durante una recente live su Instagram insieme all’ex scrittore della WWE Brian Gewirtz che le ha chiesto appunto quale fosse la situazione che si è andata a creare intorno ai promo di recente.

Tutto più tranquillo

Lei ha risposto, seduta accanto a suo marito Seth Rollins: "Per fortuna per me, non è così, e non è così per questo ragazzo [Seth Rollins]. Otteniamo un promo, e a volte ci saranno delle battute che devi dire, e spesso saranno delle battute che ti faranno dire: ‘Non sembra qualcosa che lei direbbe.” Per la maggior parte delle volte, siamo arrivati al punto in cui abbiamo ottenuto abbastanza equità, e abbiamo ottenuto abbastanza fiducia che possiamo scrivere i nostri promo.”

L’irlandese ha anche aggiunto che di solito è un processo collaborativo in cui se si sente a suo agio con uno scrittore, i due avranno un confronto professionale per cercare di migliorare il più possibile il promo: "Quando c’è equità, diventa tutto più collaborativo in questo modo. Penso che la prima volta... quando sono arrivata, avevo troppa paura di dire qualcosa fuori luogo. Ero tipo: ‘Oh, queste sono le parole sulla pagina. Devo dire ogni singola parola esattamente come è sulla pagina. Per fortuna non è più così.”

Nella stessa chiacchierata, Becky ha anche voluto dare un piccolo aggiornamento positivo ai fans per quanto riguarda le sue condizioni fisiche attuali dato che è stata messa fuori gioco da un infortunio alla spalla avvenuto durante il suo match contro Bianca Belair a SummerSlam, dove tra l’altro le cose per lei sono tornate com’erano prima perché ci ha riportato The Man.