WWE Hall of Famer: "Ho smesso di lottare perché mi sentivo disgustato da me stesso"



by   |  LETTURE 1289

WWE Hall of Famer: "Ho smesso di lottare perché mi sentivo disgustato da me stesso"

Road Dogg ha svelato in una delle sue ultime interviste di aver pregato il presidente della AEW, Tony Khan di essere assunto in modo da cercare di aiutarlo con ciò che lo spaventa negli show della compagnia numero due al mondo.

Nelle ultime settimane, l'Hall of Famer WWE Road Dogg è stato tutt'altro che lusinghiero nei confronti della AEW. Durante un'intervista, la star della Attitude Era ha affermato che le card sono semplicemente uno spettacolo indipendente filmato da delle telecamere, lanciando quindi una frecciatina nemmeno poco grande allo storytelling della federazione.

Road Dogg ha raddoppiato le critiche mentre discuteva di un possibile ritorno in WWE. Dopo aver terminato la sua carriera sul ring, Road Dogg ha lavorato nel backstage con la WWE in vari ruoli, incluso quello di writer di SmackDown e poi road agent e dirigente ad NXT.

La star è stata rilasciata nel gennaio 2022 insieme a una serie di figure di spicco di NXT come William Regal, Samoa Joe e Dave Kapoor.

Road Dogg torna a parlare della sua carriera in-ring in WWE e del suo ritiro

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di Sportskeeda's The Wrestling Outlaws, il WWE Hall of Famer ha voluto parlare di quale fu il dettaglio che gli fece capire che era ora di smettere di lottare nel suo ultimo stint in WWE poco prima di Wrestlemania 30.
Nel suo intervento, Brian James, vero nome di Road Dogg, ha affermato:

"Una volta persi i titoli con gli Usos, loro continuavano a volerci bookare.

Andai da Hunter e da Vince insieme e gli dissi 'Non posso più farlo' Mi sentivo come se stessi rallentando le persone che erano con me sul ring. Non riesco a trovare un'altra parola: mi ha disgustato. Ero tipo 'Oh Dio, non fare questo, non essere questo, non essere quel tipo di persona".

Con la vecchiaia che cominciava ad avanzare, Road Dogg si era reso conto che le sue prestazioni in-ring stavano peggiorando notevolmente rispetto a quando era giovane, così ha deciso di smettere con il wrestling lottato, appendendo definitivamente gli stivali al chiodo e rimanendo nella compagnia con un ruolo dirigenziale, fino al suo rilascio.