Ex wrestler WWE: "Avrei nascosto un cadavere per Triple H"



by   |  LETTURE 2619

Ex wrestler WWE: "Avrei nascosto un cadavere per Triple H"

Con i licenziamenti che sono stati fatti in WWE negli ultimi due-tre anni, abbiamo visto tutti i membri dell’ex stable SAnitY, salutarci, tutti tranne uno: Nikki Cross. La donna ovviamente ha espresso tutto il suo amore per gli amici e per il marito Killian Dain, per poi arrivare al main roster ed avere ben due cambi di gimmick con la WWE, con il suo character che è diventato adesso quello di Nikki ASH.

La stable fece il suo debutto a NXT nel 2016 con il quartetto composto da: Alexander Wolfe, Sawyer Fulton, Nikki Storm ed Eric Young. Le identità di Young e della Storm sono state tenute nascoste fino alla fine, in quanto i due atleti si sono sempre presentati inizialmente nei pressi del ring con delle maschere.

Nikki in particolare si era detta grata per l’opportunità di lavorare con questo gruppo, dicendo in una sua intervista: “Ero circondata da grandissimi professionisti e la loro professionalità mi ha insegnato molto sul wrestling in televisione”.

Poi però nel giugno del 2018 i SAnitY sono passati nel main roster non avendo molto successo e lasciando Nikki indietro, cosa che li ha indeboliti e portato alla fine allo smembramento della stable, pezzo per pezzo.

Eric Young parla delle chance che avrebbe avuto con Triple H al team creativo

Nella sua ultima intervista con Jim Alexander di Reel Talker, l'ex WWE Superstar ed ex campione massimo di IMPACT Wrestling, Eric Young, è voluto tornare a parlare del suo stint in WWE poco fortunto, dicendo:

"Andai anche ad un meeting con Vince per portargli alcune idee e per parlarci faccia a faccia, se tu hai uno show da tre ore e non riesci a trovare cinque minuti per me, per fare qualsiasi cosa, allora hai fallito.

Sei un fallimento (a Vince). Glielo avrei detto in faccia, perché era quello realmente. In quel momento la produzione era quasi tutta in favore di Triple H. Io non venivo usato, venivo pagato come un full time quindi lui disse che mi sarebbe andata bene una sua idea, dicendomi 'Bene ci possiamo provare no?'

Perfetto, sono comunque qui ad ogni modo, anche con lui. (Se Triple H avesse avuto il controllo all'epoca) le cose magari sarebbero potute andare in maniera diversa per me. Avrei fatto di tutto per lui. Sarei andato contro un muro.

Lo avrei aiutato a nascondere un cadavere risate (ndr), qualsiasi cosa mi avrebbe chiesto di fare. Lo rispetto così tanto"