Dopo anni emerge la verità sulla famosa pipe bomb di CM Punk in WWE

A distanza di ormai più di 10 anni, emerge cosa sapeva la dirigenza della WWE in merito al famoso angle e cosa no

by Roberto Trenta
SHARE
Dopo anni emerge la verità sulla famosa pipe bomb di CM Punk in WWE

Nelle ultime settimane, la All Elite Wrestling sta mandando in scena angle e match veramente molto interessanti, anche grazie alla grandissima qualità e varietà di personale che riesce ad avere, dopo aver assunto parecchi ex WWE e parecchi numeri uno assoluti del panorama del pro-wrestling mondiale.

Dopo aver visto l'approdo di gente del calibro di CM Punk, Adam Cole, Byan Danielson e diverse altre grandi Superstar assolute della disciplina sui ring della famiglia Khan, adesso i fan sognano tutti quei dream match che in WWE non sono mai potuti arrivare, con la AEW che è diventata la compagnia dei sogni di lottatori e di fan del pro-wrestling di tutto il mondo.
Sui ring di Dynamite e di Rampage, uno dei protagonisti che sta già più facendo discutere di sè è CM Punk, appena tornato dal suo infortunio al piede, che ha continuato negli ultimi mesi a lanciare frecciatine alla WWE, con i suoi promo pungenti, ma riuscendo anche a mantenere alto il nome AEW, con le sue grandi prestazioni.

Il momento che ha cambiato drasticamente la vita del Second City Savior di Chicago nel suo percorso in WWE, è stato sicuramente quello avuto nella famosa Pipe Bomb al microfono, quando Punk cominciò a ruota libera a sparare a zero su tutti all'interno della compagnia, prendendo di mira anche la dirigenza e la proprietà della WWE, facendo la sua clamorosa sparata davanti al mondo intero, oltre 10 anni fa, quando il suo contratto stava per terminare.

Arriva la verità sulla pipe bomb di CM Punk

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni del The Ariel Helwani Show, Brian Gewirtz ex addetto ai lavori WWE, ha voluto ritirare fuori la storia del famoso angle di Punk, rivelando:

"Voglio dire, l'elemento reale di quello che CM Punk avrebbe detto era di sicuro il suo contratto che scadeva.

C'erano delle tensioni nel backstage tra i performer e la dirigenza e non sapevano se Punk avrebbe firmato di nuovo o no. Ma in termini di segmento attuale di per sè, sia che lo vogliate chiamare shoot o work, c'era qualcosa al suo interno, ovviamente Vince e la compagnia sapevano che ci sarebbe stato un segmento per Punk e che sarebbe uscito lì fuori per fare il suo promo, ma Punk ha portato così tanti elementi di sua spontanea volontà, tanto da mettersi lì seduto e continuare ad oltranza, finchè non lo hanno fermato.

So che lavorò a quel promo con Ed Koskey. Ma so per certo che la maggior parte di quello che è uscito dalla bocca di Punk, veniva dal suo cuore e dal suo cervello. Comunque sia so che Vince e tutti gli altri hanno avuto la loro versione delle cose di fronte a lui e sapevano perfettamente quando tagliare il microfono. E' stato parte di uno show televisivo, di sicuro".

Cm Punk
SHARE