Ex WWE ammette: "Ecco chi è il vero Thanos della compagnia"



by   |  LETTURE 2597

Ex WWE ammette: "Ecco chi è il vero Thanos della compagnia"

Brock Lesnar si è presentato nell'ultima edizione di SummerSlam andata in onda poco più di una settimana fa, con un enorme trattore fino a bordo-ring, che dopo un po' è stato utilizzato anche come "arma" contro il suo nemico, Roman Reigns, per farlo cadere fuori dal ring.

Dopo una miriade di mosse finali e di attacchi da una parte e dall'altra, anche gli Usos hanno tentato di far pendere l'ago della bilancia nei confronti del loro Tribal Chief, con Theory che ha invece tentato vanamente di incassare la sua valigetta del Money in the Bank, una volta visti entrambi i contendenti a terra in una frazione del match.

Theory ha infatti colpito Reigns con la valigetta alla testa, ma è stato poi messo al tappeto da una F-5 di Lesnar e poi dai colpi di Reigns. Dopo aver rubato la valigetta a Theory, Reigns ha colpito più volte Lesnar con quella, per poi seppellire letteralmente la Bestia sotto diversi pezzi del bordo-ring e della cancellata, bloccando il suo avversario a terra, impedendogli di rialzarsi dopo il conteggio di 10, tornando a vincere ancora una volta un match titolato per entrambe le sue cinture.

Cesaro paragona Brock Lesnar a Thanos

Nel mondo del pro-wrestling, i paragoni con i supereroi e con i nemici dei libri e della letteratura fantasy sono all'ordine del giorno, con Brock Lesnar che è stato spesso associato a qualche mostro partorito dalle menti degli autori Marvel o quelli della DC, spesso tra le fila dei cattivi.
L'ultimo paragone arrivato da parte di un collega, è stato quello arrivato dalla mente di Cesaro, tornato ad essere Claudio Castagnoli sui ring della rivale All Elite Wrestling, il quale nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni del Bleacher Report, ha affermato:

"Chi penso sia il Thanos del pro-wrestling? Penso probabilmente Brock Lesnar"

Davanti alla potenza devastante dell'ex WWE Champion, il quale non rimaneva a terra nemmeno per 10 secondo dopo molteplici Spear e Superman Punch da parte del suo avversario o dopo diversi colpi di cintura mondiale alla testa, anche i colleghi lo considerano non umano, con il paragone più azzeccato che sembra quindi quello dell'immortale Thanos della Marvel.