CM Punk torna a parlare di Sasha Banks: “Non la conosco di persona, ma la capisco”



by   |  LETTURE 1210

CM Punk torna a parlare di Sasha Banks: “Non la conosco di persona, ma la capisco”

Dopo la notizia del pensionamento di Vince McMahon a fine luglio, CM Punk si era sfogato dicendo: "Voi pensate che solo per aver tweetato che 'Sono ritirato' vuol dire che non avrà più le sue mani sulla compagnia? Non penso che la cultura che c'è lì cambi per nulla. È quello che è. Ve la metterò così: Oh ragazzi, le persone andranno fuori di testa per questo, ma che si fott**no.

Mercedes (Sasha Banks ndr) e Trinity (Naomi ndr) sono andate via, hanno annunciato a Smackdown 'oh Dio, siamo molto amareggiati di questo, loro hanno davvero voltato le spalle ai fan' Brock se ne era andato. È tornato alla fine, ovviamente, penso abbia lavorato anche nello show. Dov'è Michael Cole che dice 'Brock Lesnar ha davvero voltato le spalle ai fan'? Io me ne sono andato. Loro sono andati in tv e hanno detto che ero uno che molla. Cosa è cambiato? Qual è la differenza? Avete attaccato queste due povere donne che ne avevano abbastanza e se ne sono andate. Hanno avuto più palle loro di chiunque altro. […]”

Di nuovo in supporto di Sasha

Parlando al The Hashtag Show durante il San Diego Comic Con, Punk ha risposto ad una domanda riguardo al suo sostegno nei confronti di Sasha Banks.

"La mia cosa è, non posso ascoltare la gente che mi critica se non ho voglia di chiedere loro dei consigli. Non puoi portare le persone dove non sei mai andato. Cerco di essere il più umile possibile, e non mi piace parlare di me, ma sono stato il primo ragazzo che ha attraversato il muro. Mi sono sporcato di sangue per questo. 

Vedere qualcun altro alzarsi e andarsene… lo sosterrò sempre al 100%. Non ho mai incontrato Mercedes [Sasha Banks ndr.], non la conosco, ma sono decisamente solidale con lei. So com'è quel posto. So come vengono trattate le donne lì. Io non sono una donna, quindi non posso infilarmi in quei panni, ma probabilmente ci sono un sacco di ragioni per cui se n’è andata."