Lex Luger commenta l'addio di Vince McMahon



by   |  LETTURE 1219

Lex Luger commenta l'addio di Vince McMahon

Travolto dalle accuse piovute su di lui nelle ultime settimane, Vince McMahon ha deciso di lasciare la WWE all’età di 76 anni. Il suo ruolo è stato assunto da sua figlia Stephanie e da Nick Khan, mentre Triple H è stato messo a capo del team creativo.

Il 14 volte campione del mondo ha annunciato il suo ritiro dal wrestling lottato poco prima di WrestleMania 38, non volendo correre ulteriori rischi dopo la delicata operazione al cuore a cui si era sottoposto nel settembre 2021.

The Game è apparso brevemente allo ‘Showcase of the Immortals’, salutando il WWE Universe e depositando i suoi stivali in mezzo al ring. La compagnia ha ospitato SummerSlam sabato scorso, un evento attesissimo che non ha deluso le aspettative.

Oltre ad esserci stati diversi ritorni, il main event fra Roman Reigns e Brock Lesnar ha lasciato tutti quanti a bocca aperta. A bordo di un trattore, ‘The Beast Incarnate’ ha letteralmente demolito il ring. In un’intervista concessa a ‘PWMania’, il WWE Hall of Famer Lex Luger ha parlato dello scioccante ritiro di Vince.

Tanti cambiamenti in WWE

“La verità è che il futuro non è mai stato così luminoso. Il cambiamento genera eccitazione e i fan non vedono l’ora di assistere ai prossimi show della WWE.

Io stesso mi sono riavvicinato al wrestling dopo i recenti avvenimenti. Gli atleti sono sempre più preparati, possono fare cose che non erano nemmeno immaginabili ai nostri tempi. Anche le donne si sono ritagliate il loro spazio e alcune di loro lavorano meglio degli uomini” – ha affermato Luger.

“È davvero un ottimo momento per essere un wrestler o un fan di wrestling. Il futuro è molto promettente per questo business. Mi sto divertendo un sacco” – ha aggiunto. Gli ha fatto eco il mitico Jim Ross: “Ho guardato SummerSlam dall’inizio alla fine e devo ammettere che mi è piaciuto molto.

Hanno fatto un ottimo lavoro. L’evento è stato elettrizzante e vanno fatti i complimenti a Triple H per essersi adattato così rapidamente al suo nuovo ruolo”.