JBL vuole diventare il manager di Dwight Howard in WWE



by   |  LETTURE 946

JBL vuole diventare il manager di Dwight Howard in WWE

JBL è stato senza dubbio uno dei performer più iconici dell’era moderna. Durante la sua carriera in WWE, si è aggiudicato una volta il WWE Championship, una volta il titolo Intercontinentale, una volta lo United States Championship, una volta l’European Championship, diciotto volte l’Hardcore Championship e tre volte il World Tag Team Championship, diventando così il decimo wrestler nella storia ad aver completato il Grand Slam.

Nel 2021, è stato inserito con pieno merito nella WWE Hall of Fame. Oltre ad aver collezionato tantissime cinture, John Bradshaw Layfield viene unanimemente riconosciuto come uno dei migliori heel nella storia della compagnia.

Ospite nell’ultima edizione di ‘WWE The Bump’, JBL ha rivelato che gli piacerebbe diventare il manager di Dwight Howard non appena arriverà in azienda. L’attuale stella della NBA ha preso parte ai provini della WWE che si sono tenuti a Nashville durante il weekend di SummerSlam ed era presente al ‘Biggest Party of the Summer’.

JBL vuole rimettersi in gioco

“Mi piacerebbe molto diventare il manager di Dwight Howard. Potremmo seguire le orme di Arnie Skaaland e Bruno Sammartino. Mi sembra una buonissima opportunità” – ha confidato JBL.

“Sarebbe fantastico vedere Dwight sul ring, è una forza della natura. Non dimenticherò mai le sue prestazioni a Houston, lo guardavo giocare quasi ogni sera ed era devastante. Il suo atletismo è impressionante e ha soltanto 36 anni, quindi può avere uno stint molto lungo in WWE” – ha aggiunto.

L’ex WWE Champion ha ammesso di avere un unico rimpianto legato alla sua avventura a Stamford: “Quando sono entrato in WWE, non ero pronto per ricevere un grande push. Ero sicuro di farcela, ma poi mi sono reso conto che era più difficile di quanto immaginassi.

Sono stato sopraffatto dal sistema in un primo momento e non sono riuscito ad esprimere a pieno il mio talento. Il fatto di essere stato campione da altre parti non mi garantiva lo stesso successo in WWE. Mi ci è voluto un po’ di tempo per abituarmi a quell’ambiente. Se mi piacerebbe tornare sul ring? Non ho la testa giusta per riuscirci e non ce la farei nemmeno fisicamente”.