Brock Lesnar già pubblicizzato per un evento del 2023



by   |  LETTURE 2616

Brock Lesnar già pubblicizzato per un evento del 2023

Brock Lesnar e Roman Reigns si sono affrontati nel main event di SummerSlam nella notte tra sabato e domenica. In quello che dovrebbe essere stato l’ultimo capitolo della loro lunghissima rivalità, il ‘Tribal Chief’ è riuscito a portare a casa la vittoria con grande fatica.

Nonostante la sconfitta, la Bestia ha offerto uno spettacolo memorabile, arrivando persino a demolire il ring con un trattore. Benché sia stato spesso criticato per il suo scarso attaccamento al wrestling, non si può negare che il 45enne di Webster abbia fatto la storia di questo business.

Basti pensare che Lesnar è l’unico atleta nella storia ad aver conquistato un titolo mondiale nelle arti marziali miste, nel wrestling professionistico e nel wrestling collegiale. In carriera, si è inoltre aggiudicato tre volte il titolo Universale e una volta l’IWGP Heavyweight Championship.

Cosa ne sarà della Bestia?

In molti si domandano quale sarà il futuro di Brock Lesnar. Subito dopo SummerSlam, ‘The Beast Incarnate’ è stato pubblicizzato per l’edizione 2023 del PPV ‘Day 1’.

Secondo quanto riportato da ‘Fightful’, i biglietti per l’evento saranno messi in vendita presto. La State Farm Arena di Atlanta ospiterà la seconda edizione di ‘Day 1’. È interessante notare come Brock avrebbe dovuto sfidare Roman Reigns per il titolo Universale a ‘Day 1’ quest’anno, ma i piani erano saltati a causa dell’improvvisa positività al Coronavirus del ‘Tribal Chief’.

In una recente intervista a Sportskeeda, Gerald Brisco ha rivelato che la WWE non era affatto convinta di puntare su Lesnar: “C’era parecchia resistenza all’inizio. Brock chiedeva un sacco di soldi e non tutti erano convinti che fosse una buona idea.

Voleva firmare un contratto a sei cifre, il che sarebbe del tutto normale oggi, ma a quei tempi non lo era. Secondo alcuni esperti, dargli quei soldi equivaleva a distruggere l’intero budget della WWE. Io gli ho fatto capire che Lesnar avrebbe fatto guadagnare tantissimo all’azienda negli anni successivi.

Eravamo di fronte ad un atleta che passa una volta nella vita. Per fortuna mi hanno ascoltato e il resto è storia”.