La bizzarra richiesta di Ric Flair dopo il suo ultimo match



by   |  LETTURE 4264

La bizzarra richiesta di Ric Flair dopo il suo ultimo match

È andato in archivio l’ultimo match della carriera di Ric Flair. ‘Il Nature Boy’ si è voluto mettere in gioco per l’ennesima volta, nonostante lo scetticismo generale e il parere negativo di alcuni esperti.

Il 16 volte campione del mondo è unanimemente riconosciuto come uno dei migliori wrestler di ogni epoca, avendo contribuito ad accrescere la popolarità di questo business in ogni angolo del globo. Nel 2012, è inoltre diventato il primo atleta nella storia ad essere inserito per due volte nella WWE Hall of Fame, sia individualmente che come membro dei ‘Four Horsemen’.

Durante la sua lunga e gloriosa carriera, il 73enne di Memphis è riuscito nell’impresa di completare la Triple Crown sia in WCW che in WWE. Come riportato da Rachele Gagliardi nel suo report, ci sono stati alcuni momenti concitati durante l’esibizione di Flair.

Ric Flair sta bene

Mike Johnson, noto corrispondente di ‘PWInsider’, ha riferito che due medici hanno esaminato le condizioni di Ric Flair subito dopo l’incontro. “I dottori lo stavano aspettando nello spogliatoio subito dopo la conclusione del match.

Ric era esausto al termine della contesa, ma dopo essersi riposato ed essere stato controllato, ha detto che stava morendo di fame e che voleva andare a mangiare. Benché ci siano stati dei momenti spaventosi all’interno del match, ci è stato assicurato che Flair sta bene.

Dopo essersi ripreso, si è goduto il resto della serata a Nashville” – ha rivelato Johnson. L’ex writer della WWE e della WCW Vince Russo ha criticato la scelta di Ric di tornare sul ring a 73 anni: “La verità è che tantissimi wrestler hanno la sindrome di Peter Pan.

Non riescono a crescere e a lasciarsi alle spalle il loro passato sul ring. Non so se Ric Flair abbia preso questa decisione per motivi economici. Al tempo stesso, dubito che Jeff Jarrett lo abbia fatto per soldi, non ne ha bisogno.

Non so dire con certezza come si è innescata questa macchina. Per fortuna non è successo niente di brutto. Spero che sia stato davvero il suo ultimo match”.